I complimenti delle Istituzioni e dei politici per l'arresto di Arena

La soddisfazione e i complimenti da parte delle Istituzioni e dei politici catanesi per la cattura del boss mafioso Giovanni Arena

Spataro e Condorelli -  “Un ringraziamento e un plauso” sono stati rivolti dai segretari provinciale e cittadino del Partito Democratico, Luca Spataro e Saro Condorelli, alla Squadra mobile della questura etnea e ai magistrati per l'operazione che ha portato all'arresto di Giovanni Arena. “La cattura di Arena è un passo avanti verso la legalità e lo sviluppo della nostra città – sostengono Spataro e Condorelli – Catania vuole liberarsi dall'oppressione mafiosa e anche Librino ha voglia di legalità, i librinesi chiedono a gran voce che il proprio quartiere non venga annoverato sempre e solo per questioni di malaffare: anche questo ci spinge a proseguire il nostro impegno nel quartiere”.

Sebasiano Musumeci - "Esprimo grande soddisfazione alla Procura ed al Questore ed ai suoi collaboratori per l'arresto del latitante Giovanni Arena, ritenuto uno dei boss storici della criminalità organizzata a Catania - ha dichiarato Nello Musumeci, sottosegretario di Stato al Lavoro e alle Politiche sociali -. L'operazione della Polizia di Stato di Catania è il frutto di un lavoro di indagine quotidiano, svolto con grande professionalità e sacrifici personali. E' anche la dimostrazione che la guardia deve sempre restare alta nel contrasto e nella repressione al'illegalità, ma deve essere unita anche alla prevenzione. Il lavoro, come ho detto nei giorni scorsi ad un convegno del SIAP, è il più importante intervento sociale contro la delinquenza".

Giuseppe Berretta - Il parlamentare catanese del Partito Democratico, Giuseppe Berretta, ha espresso il “più vivo apprezzamento per l’operato della Polizia e della magistratura che ha portato all'arresto, questa notte a Catania, del superlatitante Giovanni Arena”. “La cattura del boss di Librino è una vittoria per tutta la città, per i tanti che nel quartiere hanno voglia di legalità, oltre che per le nostre forze dell'ordine cui andrebbero riservati incentivi piuttosto che nuovi tagli a mezzi e risorse – conclude Berretta – Ma adesso è quanto mai necessario coniugare l'attività di repressione con massicci interventi pubblici, che prendano spunto dalla piattaforma per Librino elaborata dalla Rete di associazioni che operano nel quartiere. A loro il Comune dovrebbe dare ascolto e sostegno, come ascolto e sostegno meritano tutti i cittadini librinesi, persone oneste private di diritti elementari e abbandonate a se stesse da troppo tempo”.

Giuseppe Castiglione, Presidente della Provincia - "Grande soddisfazione" è stata espressa dal presidente della Provincia di Catania, Giuseppe Castiglione, per l’operazione condotta dalla squadra mobile della questura di Catania che ha portato all’arresto del latitante Giovanni Arena, tra i 30 ricercati più pericolosi in circolazione. "I miei complimenti al questore Antonino Cufalo e alle forze dell’ordine che ogni giorno si impegnano con professionalità e tenacia per il ripristino della legalità sui nostri territori – ha dichiarato il presidente Castiglione –. Ora è importante che il “palazzo di cemento” diventi un simbolo dell’antimafia per il riscatto sociale dell’intero quartiere".

Enzo Bianco - Apprezzamento per l'operazione della Squadra Mobile di Catania, guidata dal dottor Giovanni Signer, che ha condotto all’arresto del boss latitante Giovanni Arena. E’ quanto esprime il senatore del PD Enzo Bianco. "Ho manifestato il mio apprezzamento anche al Capo della Polizia Manganelli e al Questore di Catania Cufalo – aggiunge Bianco – per l’operazione che ha portato alla cattura del boss mafioso dopo quasi 20 anni di latitanza. L’impegno di tutte le forze dell’ordine nel contrasto alla criminalità organizzata sta dando i suoi frutti. Adesso non bisogna abbassare la guardia e dotare le forze di pubblica sicurezza di tutte le risorse e i mezzi necessari a consentire una sempre più efficace azione di contrasto contro il crimine e l’organizzazione mafiosa". 


Raffaele Stancanelli, Sindaco di Catania - “La cattura del superlatitante Giovanni Arena è un fatto straordinario che riafferma con forza la superiorità dello Stato e i principi di legalità nella città di Catania e in Sicilia. Un plauso e un ringraziamento particolare vanno alla magistratura e alle forze dell'ordine che con tenacia hanno inseguito questo risultato importante che aiuta anche la crescita e lo sviluppo del nostro territorio che non può tollerare ancora violenza e sopraffazione: fattori negativi che ogni giorno contrastiamo anche noi per garantire il rispetto delle regole e della convivenza civile e di cui lo sgombero del palazzo di cemento ne è esempio concreto”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Salvo Pogliese - "Il mio più sincero e sentito plauso alla squadra mobile della Questura di Catania per l'esemplare blitz che ha portato all'importante e significativo arresto del boss mafioso Arena". Così l'on. Salvo Pogliese, vice capogruppo del Popolo della Libertà all'Ars, commenta la notizia della cattura del boss catanese Giovanni Arena. "Le forze dell'ordine - continua Pogliese - hanno vibrato un colpo letale alla mafia etnea che oggi deve subire l'arresto di uno dei suoi vertici, Arena figurava ai primi posti nell’elenco dei ricercati piu’ pericolosi del Viminale, e nel contempo hanno ancora una volta dato il segnale che lo Stato è presente e forte a Catania e che non si è mai abbassata la guardia nella lotta alla criminalità e alla mafia".



 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento