Cronaca Caltagirone

Da Caltagirone "I Food Share" per condividere il cibo attraverso il web

E' la prima piattaforma web italiana per la condivisione di cibo a scopi solidali. A idearla sono stati quattro ragazzi calatini: Daniele Scivoli, Francesco Perticone, Elisabetta Di Benedetto e Daniela Lirosi

Parte da Caltagirone la "condivisione" del cibo 2.0. “I food share” è la prima piattaforma web italiana per la condivisione di cibo a scopi solidali. A idearla sono stati quattro ragazzi calatini: Daniele Scivoli, imprenditore che commercia dolci siciliani all’estero; Francesco Perticone e la moglie Elisabetta Di Benedetto, che gestiscono un’agenzia di comunicazione; Daniela Lirosi, titolare di un e-commerce di giocattoli in legno.

Lo scopo della piattaforma è quello di scambiarsi gratis prodotti agroalimentari in eccedenza ancora commestibili. Il sito è attivo dallo scorso 26 febbraio. E vediamo come funziona.

Per poter donare o beneficiare delle ceste messe a disposizione nel sistema I Food Share è necessario registrarsi dall’apposita area. Ifoodshare.org permette a donatori e beneficiari di mettersi in contatto attraverso un sistema di messaggistica interna e concordare le modalità di consegna/ritiro.

Per i donatori è necessario registrarsi per porter offrire liberamente i prodotti agroalimentari. Accedendo dalla propria area riservata (Login), è possibile inserire varie offerte che saranno automaticamente pubblicate dal sistema e prenotabili da qualsiasi utente privato o organizzazione, parrocchia o enti di assistenza sociale in genere. Non appena l’utente carica un prodotto, il sistema lo pubblicherà automaticamente con la città di riferimento in cui il prodotto è disponibile e con l’indicazione della data di scadenza inserita

Come racconta uno dei fondatori, "il progetto è nato leggendo un trafiletto che parlava del food sharing in Germania. Da lì lo spunto, anche se la versione che abbiamo creato è ben diversa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da Caltagirone "I Food Share" per condividere il cibo attraverso il web

CataniaToday è in caricamento