I Nas sospendono le attività di un centro di formazione per alimentaristi

I militari hanno riscontrato delle irregolarità in merito alla mancata comunicazione alle autorità competenti gli elenchi di corsisti ai quali veniva rilasciato l’attestato di formazione

Il dipartimento per le attività sanitarie dell'assessorato della Salute regionale, ha emesso, su proposta dei Carabinieri del NAS di Catania, un decreto di sospensione temporanea delle attività di un ente di formazione che faceva ottenere a distanza la qualifica di alimentaristi. Il provvedimento, che colpisce un ente privato per la formazione professionale, scaturisce dalle indagini avviate dai Nas di Catania e Ragusa, per mezzo delle quali era stato accertato che la società aveva omesso di comunicare alle autorità competenti gli elenchi di corsisti ai quali veniva rilasciato l’attestato di formazione. Inoltre l'ente non aveva predisposto le procedure di accesso alla piattaforma digitale per consentire ai servizi sanitari provinciali e regionali la vigilanza sull’attività formativa. Il valore dell’attività inibita è pari a mezzo milione di euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento