I sindacati incontrano l'Oda: "Confronto costruttivo per il bene dei lavoratori"

La Fondazione eroga servizi essenziali a 1.500 assistiti e impiega quasi 500 dipendenti. Il suo collasso è un’eventualità che le forze sindacali vogliono scongiurare con forza

Un confronto costruttivo sull’organizzazione del lavoro, le tematiche contrattuali e il paga-mento degli stipendi. Si dicono soddisfatti dell’incontro con il commissario straordinario della Fondazione Oda, Adolfo Landi, i segretari generali di Fp Cgil, Cisl Fp e Uil Fpl, Salvatore Cubito, Armando Coco e Stefano Passarello.

I confederali hanno chiesto, e ottenuto, un incontro con la governance. “La nostra attenzione alle vicende dell’Ente resta mas-sima, soprattutto nel periodo più ‘nero’ del Terzo Settore etneo, devastato dal dissesto del comune di Catania. La Fondazione eroga servizi essenziali a 1.500 assistiti e impiega quasi 500 dipendenti. Il suo collasso è un’eventualità che le forze sindacali vogliono scongiurare con forza, a beneficio dei lavoratori, degli utenti e dell’intera città. Per questo, sin dall’inizio, abbiamo scelto responsabilmente la strada dell’interlocuzione serrata con Landi, consapevoli delle enormi criticità attraversate dalla Fondazione, ricevendo risposte concrete circa l’impegno a procedere a un robusto risanamento. I fatti ci stanno dando ra-gione: il piano dell’attuale governance sta dando buoni frutti, sia in termini di contenimento e recupero dell’esposizione debitoria, sia in relazione al riposizionamento dell’Ente nel set-tore socio-assistenziale”.

Durante l’incontro, al quale erano presenti anche le Rsa (Elena Scuderi e Andrea Tomaselli della Cgil; Aurelio Sardone e Nunzio Sciacca, delegato del Dip. Sanità, della Cisl; Olga Paguay, Andrea Scuderi e Luigi Catalano della Uil), è stato af-frontato anche il nodo stipendi. Cubito, Coco e Passarello hanno ribadito il disagio dei la-voratori per i recenti ritardi, compresa la mensilità di febbraio: “Landi ha spiegato che, a oggi, quest’ultima è in ritardo di 15 giorni e che verrà pagata a breve”.

Ai rappresentanti sindacali il commissario ha sottolineato il costante impegno della governance al rispetto delle previsioni contrattuali, “che, tuttavia, non possono dipendere solo dal volere della Fondazione”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Continueremo – concludono – a vigilare, con il monitoraggio continuo e co-stante, sull’operato dei vertici ODA, con cui il confronto resta aperto, affinché si raggiun-gano gli obiettivi di salvaguardia dei posti di lavoro e di mantenimento dei servizi erogati. Lavoriamo in questa direzione; il buon senso ci invita, infatti, a tutelare la rinnovata credibi-lità dell’Ente e a escludere il ricorso ad azioni ‘muscolari’ e fini a se stesse, che finiscono solo col nuocere alla serenità dei lavoratori e al percorso di risanamento”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, nel mirino i "fedeli collaboratori" del clan Santapaola-Ercolano: 21 arresti

  • Il "mistero" dei fuochi d'artificio di Picanello, sparati ogni giorno a mezzanotte

  • "Iddu" e "idda": il terrore di Giarre e Riposto, stroncata dai carabinieri la cupola di La Motta

  • Sgominate bande che rubavano sui tir e nelle case: 13 arresti

  • Droga e mafia, altri 4 arresti nell’ambito dell’operazione "Overtrade"

  • Covid, bonus matrimonio: governo Musumeci stanzia oltre 3 milioni di euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento