Il catanese Fabrizio Grasso in libreria con "Archeologia del concetto di politico in Carl Schmitt"

La prefazione al testo è del professore Luciano Albanese, dell’università La Sapienza di Roma, è proprio lui a sottolineare che «il volume esce in un momento cruciale della storia dell’Occidente»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

È fresco di stampa il denso e breve saggio Archeologia del concetto di Politico in Carl Schmitt (Mimesis, pp.80, 10.00 euro) del catanese FabrizioGrasso, classe 1984, filosofo e giornalista. L’autore, attento alle fonti e alla critica, esplora il celeberrimo concetto formulato dal famigerato giurista del Terzo Reich per definirne con precisione il punto d’origine. L’interpretazione di Grasso è polemica nei confronti di quanti negli anni, hanno letto e commentato da sinistra il giurista, perché l’ideologia applicata all’analisi produce incomprensioni. Per questo motivo Schmitt è letto dalla prospettiva cattolica e controrivoluzionaria che consente un accesso privilegiato alle categorie di pensiero del filosofo del Nomos

La prefazione al testo è del professore Luciano Albanese, dell’università La Sapienza di Roma, è proprio lui a sottolineare che «il volume esce in un momento cruciale della storia dell’Occidente, che subisce l’assalto frontale da parte dei gruppi più radicali dell’estremismo di matrice islamica» e che «quello che emerge dalla lettura delle riflessioni di Grasso sul pensiero di Schmitt è il codice genetico della situazione attuale».  È l’opposizione radicale tra secolarismo e cattolicesimo ad essere alla base del moderno concetto di Politico? Politica e nichilismo sono irreparabilmente intrecciati? Un’ipotesi di risposta è offerta nella nota finale in cui è evocato il pensiero del filosofo che è diventato il santo protettore di anarchici ed egoisti, l’innominabile Max Stirner. 

Nota infatti il professore Tino Vittorio, che ha insegnato nella facoltà di Scienze Politiche dell’università di Catania, «tra Stirner e Schmitt la politica - non da ora - si fonda sul nulla, sull'arbitrio infondato - scrive il giovane Fabrizio Grasso. I politici sono una nullità. E io che cattolico non sono (come invece lo era Schmitt) sospetto che sia inconfutabile. Insomma, siamo - sì - al mercato del nulla!». Inoltre, al professore non sfugge nemmeno la criptica dedica in esergo e difatti spiega «è dedicato a Talestri, una regina amazzone che, accesa di passione per Alessandro Magno la cui fama era arrivata fino a lei, andò a trovare il re dei Macedoni. Alla domanda di questi - perché sei venuta a cercarmi? - Talestri rispose: per giacere con te».

Torna su
CataniaToday è in caricamento