Cronaca Sant'Alfio

Il paese di Sant’Alfio studiato alla Sapienza di Roma

5 studenti della facoltà di scienze del Turismo della Sapienza di Roma hanno presentato un progetto sullo sviluppo del paese di Sant'Alfio

Nel mese di giugno, cinque studenti del corso di laurea in Scienze del Turismo della facoltà "Sapienza"di Roma si sono presentati davanti al Professore Andrea Bellotti, docenti di Marketing del Turismo, per esporre il progetto di Marketing della destinazione sul paese di Sant'Alfio (CT).

Il team si è formato da qualche anno lavorando su diversi progetti di valorizzazione e promozione dei territorio. Proprio l'anno scorso i ragazzi in seguito ad un'altra materia , economia politica, seguiti dal prof. Nicola Boccella (presidente del corso di laurea) hanno realizzato un business plan sulla realizzazione di una spa /resort nei pressi di Zafferana Etna, con lo scopo di promuovere il territorio etneo.

La scelta ricade, questa volta, sul territorio di Sant'Alfio in considerazione dell' attuale potenziale turistico dell'area, per la sua posizione strategica, per la consistenza di attrazioni naturalistiche e culturali e per la sua attrattiva esclusiva (il Castagno dei 100 Cavalli). Nonostante le caratteristiche peculiari, il Paese è attualmente destinato ad essere una semplice meta di transito che collega il panorama dell'entroterra etneo alla costa ionica. Gli obiettivi principali da raggiungere riguardano la possibilità di implementare il turismo locale, trasformando, una meta destinata attualmente al transito senza pernottamento, in una vera Destinazione capace di attrarre domanda turistica e di posizionarsi all'interno di ambiti competitivi.

Il team ha cercato degli approfondimenti sulle caratteristiche territoriali e sui diversi bacini d'interesse, e si è convenuti sul prendere in considerazione questo comune del nord-est catanese , in seguito anche alle origine di una componente del gruppo (Valeria Longo), al fine di integrarlo nell'ampio disegno turistico locale che sinora viene rappresentato essenzialmente ed esclusivamente dall'Etna ormai assurto a simbolo significativo ed unico del luogo.

Dopo una prima indagini storico-geografico e sull'attuale ruolo che il turismo ha nei con fronti del Paese nonché la concorrenza con le maggiori località turistiche ,il gruppo ha studiato e analizzato attentamente i punti dell'analisi Swot, una tecnica sviluppata come supporto alla definizione di strategie in contenti caratterizzati da incertezza e forte competitività : punti di forza, di debolezza, opportunità e minacce.

Alla luce di quanto emerso nell'analisi condotta, è stato possibile affermare che Sant'Alfio ha tutte le potenzialità per poter diventare una vera destinazione turistica, tuttavia occorre adottare opportune strategie manageriali evidenziandone i dettagli: promozione, implementazione della qualità, maggiore efficienza dei mezzi di trasporto e creazione di percorsi specifici.

In virtù dei punti guida che hanno accompagnato la nostra ricerca analitica si potrebbe definire più che appropriata e necessaria l'idea di concentrarsi essenzialmente sul potenziamento del trasporto terrestre e ancor prima dell'attività di marketing promozionale. Acuire questi due aspetti facilita il passaggio sostanziale di Sant' Alfio da meta a Destinazione turistica vera e propria.

Si pone in primo piano l'esigenza di estirpare il comune catanese dal suo ruolo marginale; questo è l'obiettivo basilare della attività di promozione che fungerà da propulsore per la notorietà che a sua volta attrarrà un numero considerevole di turisti in loco realmente interessati al comune in tutti i suoi aspetti e non solo alla sua posizione strategica e che sarà in grado di creare e sviluppare un turismo sostenibile. Nomi componenti: Borella Annaclaudia, Fiore Verdiana, Greecola Luigi, Longo Valeria, Lucreziano Silvia.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il paese di Sant’Alfio studiato alla Sapienza di Roma

CataniaToday è in caricamento