"Il Passaporto... subito", nuovo servizio della Questura di Catania

E' il nuovo servizio rivolto ai cittadini che, realizzato dalla Questura di Catania con la collaborazione del Compartimento di Polizia Postale e delle Comunicazioni Sicilia Orientale, ottimizzerà le procedure per la richiesta e il rilascio del passaporto, riducendone tempi e disagi

Catania è la prima grande città in Italia dove sarà possibile avere "Il Passaporto... subito", il nuovo servizio rivolto ai cittadini che, realizzato dalla Questura di Catania con la collaborazione del Compartimento di Polizia Postale e delle Comunicazioni Sicilia Orientale, ottimizzerà le procedure per la richiesta e il rilascio del passaporto, riducendone tempi e disagi.

Alla presentazione dell'iniziativa, stamani nella sala Giunta di Palazzo degli Elefanti, sono intervenuti il sindaco Enzo Bianco, il questore Marcello Cardona, il comandante dei Carabinieri Alessandro Casarsa, il Dirigente della Divisione di Polizia Amministrativa e Sociale Marilina Giaquinta e il Dirigente del Compartimento di Polizia Postale e delle Comunicazioni Sicilia Orientale Marcello La Bella e rappresentanti della Guardia di Finanza.

Il progetto, come hanno spiegato i dirigenti Giaquinta e La Bella, consiste nell'attivazione, in via sperimentale, di un servizio per il rilascio del passaporto che consentirà al cittadino di utilizzare un applicativo internet, una sorta di sportello virtuale, attivo nell’Ufficio Passaporti della Questura, dove confluiranno tutte le istanze. Dopo le procedure on line, il cittadino dovrà curarsi soltanto di ritirarlo nel corso di un appuntamento preciso.

"E' l'idea - ha detto il sindaco Bianco - di un rapporto tra la Pubblica Amministrazione e il cittadino che cambia e che deve cambiare, favorito da quel bene prezioso che è lo spirito di squadra che si è creato a Catania. Sono orgoglioso che la nostra sia la prima grande città d'Italia a fare un salto di qualità grazie anche a questa iniziativa della Questura, che permetterà di ottenere il passaporto in modo semplice e con un solo viaggio negli uffici".

"Il progetto che consegnamo al sindaco Bianco - ha affermato il questore Cardona - è unico in Sicilia e Catania è la prima città metropolitana d'Italia ad adottarlo. Si tratta di un'iniziativa condivisa con il Comune, la Prefettura, tutte le forze dell'ordine e rientra nel più ampio processo di semplificazione e sburocratizzazione voluto dal Governo. Da qui vogliamo partire, accogliendo fra l'altro suggerimenti e indicazioni dei cittadini, per l'avvio del contatto preinformativo riguardo a tutte le attività della Polizia".

"Come amministrazione comunale - ha aggiunto Bianco - abbiamo già avviato questo processo di semplificazione, fra l'altro, con la carta d'identità e, insieme alla Procura, con il casellario giudiziale. Annuncio inoltre ai cittadini che fra qualche settimana riavvieremo un progetto della mia precedente sindacatura, il pronto-anagrafe, che consentirà di ricevere a casa i documenti del Comune con una semplice telefonata a un numero verde".

In questa fase prima, il servizio sarà disponibile per i residenti del comune di Catania e dei comuni della provincia, ad eccezione dei comuni di Adrano, Acireale e Caltagirone, dove vi sono dei Commissariati Distaccati e quindi saranno esclusi gli abitanti di: Aci Bonaccorsi, Aci Catena, Aci Sant’Antonio, Acireale, Adrano Biancavilla, Bronte, Calatabiano, Caltagirone, Fiumefreddo di Sicilia, Giarre, Grammichele, Licodia Eubea, Maletto, Maniace, Mascali, Mazzarrone, Militello Val di Catania, Milo, Mineo, Mirabella Imbaccari, Palagonia, Paternò, Ragalna, Ramacca, Randazzo, Riposto, San Cono, San Michele di Ganzaria, Sant’Alfio, Santa Maria di Licodia, Santa Venerina, Scordia, Vizzini e Zafferana Etnea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento