"Il pompiere paura non ne fa", partita di calcio benefica

La Comunità per minori Sant’Antonio di Caltagirone ha avuto modo di sperimentare da sempre la grande sensibilità dei vigili del fuoco che, in diverse occasioni dell’anno, si rendono protagonisti di iniziative benefiche organizzando momenti di forte socializzazione con i minori ospiti

La Comunità per minori Sant’Antonio di Caltagirone ha avuto modo di sperimentare da sempre la grande sensibilità dei vigili del fuoco che, in diverse occasioni dell’anno, si rendono protagonisti di iniziative benefiche organizzando momenti di forte socializzazione con i minori ospiti. Sono esperienze autentiche dove si vive il clima dell’ empatia, dell’ accoglienza e della prossimità e si favorisce, pertanto, il rapporto dei minori con le istituzioni, veicolando valori significativi ed importanti. Ogni iniziativa di solidarietà è vissuta come apertura all’altro, come partecipazione ai problemi dell’altro come interscambio fecondo di esperienze. Una reciprocità che aiuta i più piccoli a crescere, a confrontarsi, a conoscere quanto di positivo ed importante esista nella società.

Durante l’ultima iniziativa un minore ospite L.G. all’inizio è apparso assai sospettoso e timoroso nei riguardi degli operatori dei vigili del fuoco poiché la divisa in lui suscitava, per motivi personali, un disagio importante che lo spingeva all’isolamento. La divisa era concepita come simbolo normativo che gli incuteva tensione, ma grazie alla forte carica empatica dei vigili del fuoco presenti e all’incoraggiamento manifestato ha acquisito, durante l’incontro, una maggiore fiducia iniziando a giocare e a comunicare parte del suo vissuto personale.

In quella occasione gli stessi hanno appreso, direttamente dal ragazzo, quanto significativo sia per lui lo sport del calcio che gli offre l’opportunità di confrontarsi con gli altri, di collaborare per un gioco di squadra e di vivere una sana competizione. Far parte di una squadra significa, per lui, saper vincere la propria brama di individualismo a favore della fattiva collaborazione per vivere nuove relazioni sociali in modo sano senza lasciarsi bloccare dalle paure personali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’argomento dello sport è stato la chiave di accesso al mondo del minore che ha iniziato a comprendere come la divisa dei vigili del fuoco sia un simbolo carico di valori come: la sicurezza, la solidarietà, l’ altruismo, il sacrificio, l’aiuto, anche a discapito della propria vita, verso quanti vivono esperienze drammatiche. In questa prospettiva nasce l’iniziativa benefica della partita di calcio del 29 settembre 2017:” Iil pompiere paura non ne fa!”. Si tratta di una partita organizzata per il minore dai vigili del fuoco. Tutti insieme, fianco a fianco, per sconfiggere le paure grazie allo sport del calcio, tutti insieme come gruppo per aiutare G. a fare goal nella sua vita.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento