Il monumento ai caduti del Lungomare, imbrattato dai vandali

Il monumento si trova in una situazione di decadenza, poichè oggetto di perenni atti vandalici. Inoltre,il luogo è utilizzato, sempre più spesso, come discarica da chi consuma bevande e cibi nella zona

Troppo spesso ci capita di vedere, nella nostra città, muri imbrattati da scritte e firme incomprensibili. Ma la rabbia ci assale ancora di più, quando ad essere "devastati" sono i monumenti in ricordo degli eroi caduti in guerra.

È questo il caso del monumento ai Caduti di piazza Tricolore a Catania. Già, lo scorso mese,  alcune Associazioni d’Arma, su iniziativa del Governatorato locale del Corpo delle Guardie d’onore ai sacrari di guerra, avevano chiesto al Sindaco Stancanelli di tutelare e valorizzare il monumento catanese.

"Catania era l'unica grande città senza un monumento ai Caduti, ma da quando è stato finalmente realizzato, è diventato un luogo nel quale, piuttosto che ricordare il sacrificio di tanti italiani se ne offende la memoria", è stato sottolineato dalle associazioni d’Arma.

Ma, ad oggi, niente è stato fatto, l’opera, come dimostrano le foto, si trova in una situazione di decadenza, poichè oggetto di perenni atti vandalici. Il luogo è utilizzato, sempre più spesso, come discarica da chi consuma bevande e cibi nella zona, anche a causa della mancanza di illuminazione notturna e dell’assenza di una vigilanza costante nel territorio.

Non possiamo definire arte, gli imbrattamenti di piazza Tricolore, sono dediche d'amore, calcistiche e politiche. Ovviamente, ne prendo le distanze poiché non è giusto scrivere su un monumento dedicato ai caduti. Pasticciare un simbolo di commemorazione- seppur brutto - non è un gesto di protesta o d'arteSono del parere che molti degli autori siano giovani, forse anche minorenni, e non credo che in loro vi siano intenzioni artistiche consapevoli, credo piuttosto che abbiamo preso i muri per dei manifesti o della carta bianca” ha commentato così Vlady Art , geniale street art catanese.

Tuttavia – continua Vlady - questi gesti sono uno specchio della città. I muri imbrattati riflettono i nostri problemi e le nostre paure. Siamo vicini ad un baratro”.            


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento