Immigrati ai semafori, Sofia: "Aiutiamoli ad avere una vita dignitosa"

Il presidente della commissione viabilità Carmelo Sofia fa luce sul fenomeno dei migranti che chiedono l'elemosina ai semafori

"ll record di sbarchi dell’anno scorso, che hanno fatto di Catania il secondo porto italiano con oltre 170.000 arrivi, rappresentau n segnale evidente di un’emergenza che non ha precedenti. Il lavoro dell’amministrazione comunale, delle istituzioni politiche e sociali, delle forze dell’ordine e dei volontari è assolutamente encomiabile e viene portato avanti con enorme dedizione e umanità. Il problema è che nel servizio di accoglienza si fa sempre più evidente la questione legata ai tanti migranti che agli angoli delle strade o davanti ai semafori della città chiedono l’elemosina. Qualcuno si è reinventato pure posteggiatore abusivo mentre, in alcuni casi, questi ragazzi hanno spodestato i lavavetri. Ci troviamo di fronte ad una guerra tra poveri". Scrive così Carmelo Sofia, presidente della commissione viabilità, mettendo in evidenza un fenomeno sempre più presente in città.

"In qualità di consigliere comunale, - continua Sofia - chiedo al Sindaco Bianco, sempre attento a questo genere di tematiche, di affrontare la questione con tutti i soggetti interessati per capire cosa succede intorno al continuo viavai dai centri e dalle strutture di accoglienza. Una tematica che potrebbe riguardare anche i minori. Ogni giorno, muovendosi nel traffico catanese, è impossibile non notarli. Sono cortesi, spesso con il sorriso sulle labbra ma tutti hanno alle spalle un passato difficile e un futuro incerto. Agli incroci oppure quando scatta il rosso al semaforo bussano ai finestrini per chiedere un obolo. Le prime volte la gente si commuovere e dà loro qualcosa. Poi la scena si ripete costante e le persone non ci fanno più quasi caso".

" La situazione è molto grave e lo scenario sin qui descritto nasconde un mondo fatto di povertà - conclude il presidente della commissione viabilità-  e potrebbe celare pure un contesto dominato dallo sfruttamento e dal degrado. Ecco perchè bisogna intervenire e dare un aiuto a queste persone che meritano una vita dignitosa e ricca di opportunità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento