menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Zuccaro mette sotto accusa gli impianti di depurazione etnei: "Assolutamente inadeguati"

"Tutti gli impianti di depurazione sistemati nel nostro territorio - ha evidenziato il procuratore- sono assolutamente inadeguati rispetto al compito che dovrebbero perseguire, a cominciare dal più grande, che è il sistema fognario che interessa la città di Catania e l'impianto di depurazione di Pantano d'Arci"

Il procuratore della Repubblica di Catania, Carmelo Zuccaro, ha partecipato oggi ad un'audizione davanti la commissione parlamentare di inchiesta sulle attività illecite connesse al ciclo dei rifiuti e su illeciti ambientali. Dure le sue parole nei confronti dei sistemi di depurazione e smaltimento dei rifiuti, ritenuti inadeguati ai fabbisogni del nostro territorio. "La Procura di Catania ha potuto istituire dei procedimenti penali, alcuni significativi, altri di minore rilevanza, che interessano soprattutto il reato di inquinamento ambientale di imprese industriali che scaricano nelle acque reflue senza una preventiva attività di filtraggio. Quello che a mio avviso è più rivelante - spiega - con la premessa che si tratta di un attività che è coperta dal segreto istruttorio, è l'azione penale che interessa gli amministratori e funzionari del Comune di Motta Sant'Anastasia".

"Al di là dell'impianto di depurazione - evidenzia Zuccaro - è proprio il sistema fognario di una città come Catania e di tutto il suo hinterland, vecchissimo e compromesso negli anni, a cui non si è posto rimedio. Un sistema fognario che si basa su due grosse condutture, una delle quali è il cosiddetto allacciante, progettato negli anni '50 e che presenta criticità". "In provincia di Catania, ed in particolare nel nostro territorio, i danni ambientali sono provocati dalla insufficienza, dalla inadeguatezza del sistema di depurazione. Nel territorio di questa Procura - continua Zuccaro - ricadono 15 procedure di infrazione. Questo sistema provoca per la sua inadeguatezza danni ambientali di portata rilevante e l'unico modo per evitarli sarebbe di procedere a finanziamenti e progettazioni adeguate di opere pubbliche che non sono invece mai state portate a compimento. Tutti gli impianti di depurazione sistemati nel nostro territorio - ha evidenziato il procuratore- sono assolutamente inadeguati rispetto al compito che dovrebbero perseguire, a cominciare dal più grande, che è il sistema fognario che interessa la città di Catania e l'impianto di depurazione di Pantano d'Arci che, se funzionasse, dovrebbe interessare un bacino di oltre 540 mila utenti. Mentre invece, purtroppo, attualmente serve soltanto circa 70 mila. In questa situazione, individuare responsabilità penali collegati alla mancata attivazione di depuratori efficienti è assolutamente impossibile".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ristrutturare

Sostituzione infissi: come ottenere lo sconto in fattura

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento