Cronaca San Cristoforo / Via Zurria

Impianto Via Zurria: tra discarica e parcheggio selvaggio, muore lo sport

Campo di basket e auditorium restano inutilizzati. Soltanto la piscina è in funzione: ospita allenamenti e partite dell'Orizzonte Catania. Dall'esterno arrivano anche i pericoli: una gigantesca discarica a cielo aperto

In passato era un mattatoio. Oggi si fatica a comprendere quale sia la sua funzione. La struttura di Via Zurria, nata per diventare un vero e proprio centro polifunzionale, si presenta trascurata. Soltanto la piscina viene utilizzata. Ospita, infatti, gli allenamenti e le partite della squadra di pallanuoto “Orizzonte Catania”, vista l’inagibilità della piscina di Nesima.

Rosaria Aiello, bomber della compagine femminile, ci spiega che “ormai la squadra si allena qui, vista la situazione della piscina di Nesima. L’unico problema è che la struttura non è adeguata per ospitare le partite della squadra maschile. Problema: la lunghezza della vasca. Gli uomini, infatti, sono costretti a spostare nei bordi le porte, in modo da raggiungere la lunghezza necessaria per giocare”.

Il resto della struttura rimane un’incognita. L’ingresso della palestra è inspiegabilmente chiuso. Le vetrate allineate, dopo alcuni raid vandalici. Eppure le potenzialità che offre l’interno sono tante, grazie alla presenza di un campo di basket regolamentare.

Stessa sorte investe l’Auditorium “Papotto”, inutilizzato nel corso dell’anno. L’ingresso: saldamente chiuso con il catenaccio. Tante, però, le macchine che transitano nel corso della giornata nei pressi della struttura di Via Zurria. Due i motivi: il plesso ospita il centro anagrafe e altri uffici comunali e l’intera zona è ormai utilizzata come parcheggio selvaggio.

Preoccupa soprattutto l’esterno, che versa nelle peggiori condizioni: la pavimentazione è irregolare, i muri sono in condizioni fatiscenti e fuoriescono persino cavi telefonici. Il pericolo maggiore, soprattutto per i tanti bambini che frequentano la zona, resta però la discarica abusiva presente nei pressi del centro di Via Zurria.

A nasconderla alcune transenne, alte poco più di 2 metri. Il burrone che si estende ai lati della via, infatti, è invisibile alla vista dei passanti: "Mi sono recato spesso in via Zurria perchè ho lavorato come rilevatore per il censimento che ha avuto sede proprio lì, ma non ho mai notato questo spettacolo indecente” afferma Antonio Percolla, studente dell’Università di Catania, dopo avergli chiesto se era a conoscenza della discarica.

Alcuni residenti della zona denunciano il fatto che, con il forte vento, le transenne rischiano di volare via e colpire chi si trova vicino. Tra questi il signor Carmelo: “ Da tempo temiamo per l’incolumità di tutti, soprattutto dei bambini che si avvicinano in prossimità delle transenne: essendo incoscienti non capiscono che arrampicarsi lì è pericoloso. Siamo in presenza di un vero e proprio burrone, con una discarica a cielo aperto”. L’unico posto dal quale è possibile osservare questa gigantesca discarica abusiva, è Vico Marano.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Impianto Via Zurria: tra discarica e parcheggio selvaggio, muore lo sport

CataniaToday è in caricamento