In arrivo ondata di freddo: la Caritas si mobilita per i senzatetto

In vista dell'eccezionale ondata di freddo prevista nei prossimi giorni anche a Catania, la Caritas Diocesana del capoluogo etneo mette a disposizione delle persone senza dimora altri posti letto

In vista dell'eccezionale ondata di freddo prevista nei prossimi giorni anche a Catania, la Caritas Diocesana del capoluogo etneo mette a disposizione delle persone senza dimora altri dieci posti letto, predisposti nel salone della Locanda del samaritano, il centro di accoglienza della Caritas.

La Locanda accoglie gratuitamente 35 uomini e donne senza riparo e offre ospitalità ad altre 45 persone tra il dormitorio maschile di via Plebiscito e i gruppi appartamento. In totale, sommando i posti disponibili presso Il Faro, gestito dal consorzio il Solco in convenzione con il Comune, a Catania vi sono 105 posti letto a fronte di oltre 200 persone che vivono per strada.

"L'attuale crisi economica, il crescente aumento degli sfratti per morosità, il ritardo di politiche abitative serie ed efficaci, l'aumento di persone immigrate che escono dai circuiti di accoglienza per la fine del periodo di ospitalità - ha affermato il direttore della Caritas diocesana di Catania, padre Valerio Di Trapani - sta facendo crescere enormemente il numero di persone senza riparo e ai margini. Il freddo percuota le coscienze delle persone preposte all'amministrazione delle politiche di inclusione sociale e degli imprenditori che non alzano un dito a favore della città sofferente".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento