Incendi e cantieri: grossi problemi per la viabilità cittadina

Due questioni, discusse durante la conferenza dei servizi della commissione alla viabilità del comune di Catania, che pesano non poco sulla mobilità cittadina

Cantieri per la posa della fibra ottica e incendi nei terreni abbandonati. Eccoli i due più importanti nodi da gestire a Catania durante questo periodo estivo. Due questioni, discusse durante la conferenza dei servizi della commissione alla viabilità, che pesano non poco sulla mobilità cittadina.

"Problemi sollevati molte volte da associazioni, enti e comitati cittadini- afferma il presidente della commissione alla viabilità Giuseppe Castiglione- dopo l’incontro con tecnici ed esperti chiediamo ora al Primo Cittadino una serie di interventi urgenti ed a breve scadenza per evitare code chilometriche, scene di panico e automobilisti esasperati". Da Picanello a Cibali, da Librino a San Giorgio, da San Cristoforo a San Giovanni Galermo oltre ai roghi ed ai danni nei sottoservizi bisogna fare i conti con arterie ridotte a gruviera. "Una situazione che per alcune strade non rappresenta certo una novità- spiega il presidente della commissione al bilancio Vincenzo Parisi- l’eccezionale ondata di caldo di queste settimane ha contribuito ad aggravare il problema. L’amministrazione deve agire attraverso un piano di lavoro da sviluppare nel breve, medio e lungo periodo. Le grandi manovre sulle zone interessate dai cantieri e dal rischio incendi sono già cominciate".

Prima la fase di studio, poi, attraverso le segnalazioni dei cittadini, si comincerà a lavorare per rendere più sicure quelle zone che, ogni giorno, sono affollate da migliaia di turisti e pendolari che devono raggiungere la Plaia oppure il centro storico.

"E’ fondamentale che le opere di bonifica e messa in sicurezza, anche se non saranno immediate, vadano portate a termine il prima possibile- dichiara il componente della commissione alla viabilità Carmelo Sofia- L’obiettivo è quello di non farsi trovare più impreparati. Quello che è successo nell’area tra via Sabato Martelli Castaldi, via dei Piccioni e il viale Mario Rapisardi alcuni giorni fa deve servire da monito per tutti. Occorre voltare pagina e non ripetere più gli errori del passato". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ribadiamo la necessità di sviluppare con le commissioni al ramo e le forze dell’ordine un piano generale di percorribilità- fa eco il consigliere comunale Giuseppe Catalano-. Uomini e mezzi, quindi, vanno messi subito al lavoro per micro cantieri dislocati soprattutto nella parte sud-est della città. Abbiamo già preparato un dossier articolato che presto presenteremo al primo cittadino. Faldoni su faldoni dove sono segnalate le zone maggiormente interessate dal flusso veicolare e dove, interventi nei sottoservizi e rischio incendi, mettono in ginocchio la vivibilità in aree densamente abitate"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento