Incendio nel campo rom di corso Martiri della libertà, Consoli: "Eliminate le fonti di pericolo"

Dopo l'esplosione nel campo rom l'amministrazione comunale è intervenuta prima eliminando il fornello incriminato e dopo con le ruspe per abbattere le baracche pericolanti. Si sta vagliando la possibilità di dare alloggio a chi usava i rifugi

Dopo l'intervento dei vigili del fuoco che hanno spento l'incendio generato da un'esplosione nella baraccopoli di corso dei Martiri delle Libertà è intervenuta anche l'amministrazione comunale per la messa in sicurezza del luogo.

"Abbiamo eliminato tutte le potenziali fonti di pericolo per la popolazione". Lo ha detto il vice sindaco Marco Consoli intervenuto per l'amministrazione comunale dopo l'esplosione della bombola, probabilmente di un fornello a gas, in terreno di proprietà della società Istica nell'area di Corso dei Martiri della Libertà. La forte esplosione, avvertita da molti, ha provocato un incendio . "L'amministrazione comunale - ha detto Consoli - ha più volte sollecitato sia l'Istica sia la Tecnis, proprietaria di un altro terreno dove si trovavano delle baracche, sottolineando la necessità di sgomberare l'area per evitare pericoli per gli stessi occupanti e per la popolazione. Avevamo sollevato l'argomento anche nell'ultima riunione del comitato per l'ordine e la sicurezza pubblica. L'esplosione ci ha dato la possibilità di intervenire, dopo aver chiesto l'autorizzazione sia all'Istica sia alla Tecnis, per bonificare l'area".

Consoli ha spiegato come la polizia municipale sia intervenuta ispezionando le baracche, dove non ha trovato alcun occupante ma un fornelletto a gas per cucinare che è stato portato via. Successivamente le baracche, pericolanti, sono state abbattute per ragioni di sicurezzadalle ruspe del Comune.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

. "L'Amministrazione - ha sottolineato l'assessore al Welfare Angelo Villari -, sta vagliando, con la collaborazione della rete del volontariato e del Presidio leggero, la migliore maniera per dare sistemazione, per quanto provvisoria, a coloro i quali utilizzavano saltuariamente quei rifugi e che, al momento, non si sono presentati"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento