Inchiesta "Pupi di pezza", Antonio Pogliese torna in libertà

Il padre del primo cittadino si trovava ai domiciliari dallo scorso febbraio. Decaduta l'accusa di associazione per delinquere

E' tornato in libertà Antonio Pogliese, il padre del sindaco di Catania, noto commercialista in città e finito nelle maglie dell'inchiesta "Pupi di pezza". L'uomo, 75 anni, era stato arrestato lo scorso 14 febbraio accusato di alcuni episodi di bancarotta ed evasione fiscali per cifre oltre i 200 milioni di euro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La decisione, arrivata a seguito del legale di Pogliese - l'avvocato Giampiero Torrisi -, è stata presa dal gip di Catania. Intanto si sono concluse le indagini e tra i capi di imputazione non vi sono più i reati di associazioni per delinquere e favoreggiamento personale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza regionale sul Coronavirus: obbligo di mascherina e più controlli

  • Carabiniere preso a calci e pugni ad un posto di blocco da un 39enne

  • Coronavirus, casi positivi al Cutelli e alla Livio Tempesta: studenti e personale in quarantena

  • Incidente in Tangenziale, traffico in tilt: un ferito grave

  • Coronavirus, un positivo sul volo Milano-Catania: appello dell'Asp ai passeggeri

  • Operazione antidroga, sequestrati 1.300 chili di marijuana: 6 arresti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento