Operaio si ustiona allo stabilimento Rofeme, muore 21enne catanese

Aveva riportato gravi ustioni su tutto il corpo ed era ricoverato nel centro grandi ustionati del Cannizzaro dallo scorso 16 novembre, quando a causa di una fiammata sprigionata da una pressa si era ferito

Davide Calogero, 21enne catanese, operaio della Rofeme, non ce l'ha fatta. Il giovane è deceduto oggi all'ospedale Cannizzaro, nel centro gravi ustionato dove era ricoverato dal 16 novembre scorso in gravissime condizioni.

Proprio quel giorno il giovane si era ferito a causa di un'improvvisa fiammata sprigionata da una pressa, all'interno dello stabilimento "Rofeme", allo stradale Primosole nel quale stava lavorando. Il giovane operaio aveva riportato ustioni di terzo grado su tutto il corpo, risultate fatali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento