Addio Gianluca, la Procura apre inchiesta sull'incidente mortale

Ultimo addio al giovane dj morto in corso Italia. I funerali si svolgeranno alle 15.30 nella Chiesa di S. Giuseppe. Intanto il pubblico ministero Sorrentino vuole vederci chiaro

Oggi è il giorno dell'addio al giovane Gianluca Fucile, morto a seguito di un incidente stradale in corso Italia. I funerali si svolgeranno alle 15.30 nella Chiesa di S. Giuseppe. Ma su Facebook, non si parla di addio. Una amico scrive: "Gianluca conoscendoti so che se potevi prevedere questo viaggio, avresti scritto a tutti sulla tua bacheca fb qualcosa del tipo: "ragazzi sto solo partendo per una lunga vacanza, non siate tristi, sorridete sempre e siate felici comunque vadano le cose, la vita e' una cosa meravigliosa, io ci sono".

Ma c'è chi vuole avere chiarezza sulla morte di Gianluca. La Procura della Repubblica, infatti, ha aperto un fascicolo sull'incidente. A coordinare le indagini è il pubblico ministero Alessandro Sorrentino.

VIDEO SERATA con Gianluca

I primi ad intervenire dopo l'incidente, sono stati gli agenti della Polizia municipale. Secondo la loro ricostruzione, sarebbe stata la Chevrolet guidata da un ventunenne a centrare in pieno la Honda SH sulla quale viaggiava Gianluca Fucile: l’auto proveniva da via Pasubio e non avrebbe rispettato lo stop travolgendo così il ragazzo. Gianluca è stato portato in ospedalea bordo d i un’ambulanza ma non c’era già più nulla da fare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento