Un catanese ed una palermitana denunciati per truffa di ricambi d'auto

L’acquirente ha aspettato invano la consegna del pacco, optando infine per recarsi in caserma al fine di sporgere denuncia ai carabinieri

La falsa ricevuta di spedizione

I carabinieri di Bronte hanno denunciato un catanese di 35 anni ed una palermitana di 46, perché ritenuti responsabili di truffa. Un ignaro 35enne di origini rumene infatti, speranzoso di risolvere con un limitato esborso economico il ripristino dell’airbag della propria autovettura, si è affidato ad un annuncio pubblicato su un noto portale di vendite on line, nel quale l’inserzionista gli offriva la possibilità di acquistare, con 500 euro, il ricambio necessario alla riparazione della sua auto. La vittima pertanto, ha prima contattato il venditore sull’utenza telefonica indicata nell’annuncio e dopo, come da accordi, ha effettuato il pagamento della somma pattuita non appena quest’ultimo gli aveva trasmesso tramite WhatsApp una fantomatica ricevuta del corriere che aveva preso in carico per la consegna del pacco agognato.

L’acquirente ha aspettato invano la consegna del pacco, optando infine per recarsi in caserma al fine di sporgere denuncia ai carabinieri. Gli accertamenti effettuati dai militari, poi, hanno permesso l’individuazione del titolare della carta prepagata sulla quale è stato effettuato il pagamento e della donna titolare dell’utenza telefonica utilizzata per raggirare la vittima.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento