menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Maglia nera per infortuni sul lavoro: i sindacati chiedono interventi

Dopo la tragedia sfiorata ieri a causa del crollo di un'impacaltura in Piazza Università, si ritorna a fare i conti con le cosiddette "morti bianche". E i dati Inail tirano le somme sull'escalation di infortuni sul lavoro

Dopo la tragedia sfiorata ieri a causa del crollo di un'impacaltura in Piazza Università, si ritorna a fare i conti con le cosiddette "morti bianche". Ieri, infatti, alle ore 13.15, due operai bolognesi, ingaggiati da una ditta catanese, stavano montando il palco per la festa d'inaugurazione dei Mondiali di Scherma, quando i tubi in acciaio hanno cominciato a cedere. I due operai sono rimasti feriti e trasportati all'Ospedale Vittorio Emanuele.

E i dati Inail tirano le somme sull'escalation di infortuni sul lavoro. Si conta quest'anno il 150 % in più di morti. In Sicilia, in tutto il 2010, si sono registrate 59 vittime e 35 nei primi otto mesi del 2011. I dati relativi agli infortuni in Sicilia non sono proprio tranquillizzanti.  A livello territoriale i dati peggiori sono quelli di Palermo, con 7.152 incidenti, seguito da Catania (6.966) e Messina (5.026). Secondo i sindacati di Catania, la causa è da ricercare negli scarsi investimenti sulla prevenzione. "In questi giorni - ha dichiarato Angelo Villari, per la Cgil - solleciteremo il prefetto ad accelerare i tempi perchè riteniamo, alla luce dei dati che emergono, che sulla sicurezza dei lavoratori sia urgente intervenire".

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento