Suolo pubblico, stabilite le regole per la concessione

Gli assessori Di Salvo e Lombardo hanno stabilito che i commercianti che vogliono realizzare strutture composte da pedane, tende e partizioni verticalidovranno presentare domanda di permesso di costruire tramite SUAP

Si è svolto un incontro tra gli assessori alle attività produttive Nuccio Lombardo, al decoro urbano e urbanistica Salvo Di Salvo e il presidente della Fipe Confcommercio Dario Pistorio, erano altresì presenti i dottori Alessandro Mangani e Giampaolo Adonia per la direzione attività produttive e l’ingegnere Biagio Bisignani con l’architetto Giuseppe Sottile ed il geometra Felice Sapuppo per la Direzione Urbanistica, per discutere riguardo alle regole di concessione del suolo pubblico per le attività commerciali e la collocazione di strutture fisse. 

Nel corso dell’incontro si è pervenuti alla conclusione che i titolari di pubblici esercizi che intendano realizzare strutture composte da pedane, tende e partizioni verticali, comunque ancorate al suolo, dovranno presentare domanda di permesso di costruire tramite SUAP utilizzando la modulistica pubblicata sul sito istituzionale del Comune, corredata dalla documentazioneindicata, con le procedure previste dalla legge regionale 21/8/2016 n. 16. Nel rispetto dei principi di speditezza e trasparenza, al fine di non creare un aggravio procedimentale, gli uffici provvederanno preliminarmente a verificare la compatibilità dell’intervento proposto con i dettami di legge nonché la rispondenza dell’opera alla normativa di settore al fine di meglio definire i presupposti di procedibilità dell’istanza di che trattasi. 

Per quanto attiene ad opere già realizzate, le stesse saranno trattate in regime di accertamento di conformità, ai sensi della vigente normativa urbanistico-edilizia. Infine è stato concordato che le pedane di livellamento, collocate in assenza di partizioni verticali su cui insistano solo accessori di arredo amovibili (tavoli, sedie ed ombrelloni) potranno essere collocate a seguito di semplice comunicazione inizio lavori, per il tramite della Direzione Attività Produttive del Comune di Catania. Non sarà quindi necessario richiedere alcun titolo edilizio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento