Via Vincenzo Giuffrida, incrocio con corso delle Province pericoloso: morto un pedone

A denunciare da anni la pericolosità dell'incrocio e la necessità di un semaforo è il consigliere della terza circoscrizione Fabio Currò

"Ho segnalato la pericolosità dell'incrocio fra via Giuffrida e corso delle Province nel 2013 con una mozione, ho chiesto che venisse messo in sicurezza per i pedoni, con l'istallazione di un semaforo, ma non sono mai stato ascoltato". Con queste parole, Fabio Currò consigliere della circoscrizione Borgo - Sanzio ci racconta come da anni quell'incrocio di due delle strade più trafficate della città sia molto rischioso per chi cammina a piedi e rischia di essere travolto dalle auto che passano a velocità elevata".  

"Qui gli incidenti sono all'ordine del giorno - continua Currò - ho appreso che un uomo coinvolto in un incidente nell'aprile scorso purtroppo è morto. La notizia mi ha lasciato senza parole perché so perfettamente che basta poco per evitare tragedie di questo genere. I residenti mi segnalano continuamente incidenti gravi qui, l'ultimo è avvenuto proprio il 2 giugno. Il problema si verifica soprattutto durante le ore notturne o al mattino presto perchè c'è poca visibilità. Quello che io chiedo - conclude Currò - è che comunque venga data una risposta. Se il semaforo è considerato troppo costoso e si ritiene più utile fare una rotonda che si faccia, ma questo silenzio è assurdo e inaccettabile. I cittadini non lo meritano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esplosione a Librino, ladri piazzano bomba davanti a un tabacchi: un morto

  • Vertice a Catania sul Coronavirus: chi ha sintomi non vada in ospedale

  • Operazione Thor, 23 omicidi di mafia commessi in 20 anni: 23 arresti

  • Musumeci convoca nuovo vertice sul Coronavirus: in arrivo misure precauzionali

  • Assalto in banca con escavatore a Trecastagni: si cercano i ladri in fuga

  • Bomba davanti a distributore tabacchi, identificata la vittima: 19enne incensurato e studente

Torna su
CataniaToday è in caricamento