Strisce blu, Catania tra le città siciliane con più parcheggi a pagamento

Il dato emerge da un'indagine condotta dal Centro Studi Continental su dati Istat. L'inchiesta si riferisce all'anno 2011. Catania con il 37,9%, dove l'aumento è stato del 326,1%, è la seconda città siciliana, dopo Palermo, per numero di posti a pagamento

Cresce in maniera incontrollata la quantità dei parcheggi a pagamento. Il dato emerge da un'indagine condotta dal Centro Studi Continental su dati Istat. L'inchiesta si riferisce all'anno 2011: dai risultati emerge come i comuni capoluogo di provincia disponevano in media di 51,1 posti a pagamento su strada ogni mille vetture circolanti, un dato in netto rialzo se si prende in esame il 2000, quando i parcheggi su strada ogni mille vetture erano 30,7.

Catania con il 37,9%, dove l’aumento è stato del 326,1%, è la seconda città siciliana, dopo Palermo, per numero di posti a pagamento.

Secondo il Centro Studi Continental, la crescita esponenziale è legata alla trasformazione di parcheggi gratuiti in parcheggi a pagamento. Misure queste adottate dai comuni per scoraggiare il traffico. Fra queste misure rientrano anche la creazione di aree a traffico limitato e pedonali che, secondo i dati Istat, nel 2011 mostrano un aumento rispettivamente dell'1,7% e del 2,0% rispetto all'anno precedente.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento