menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Infermieri fermano lo stato d'agitazione, accordo con l'Asp

Gli infermieri fermano lo stato di agitazione per dieci giorni dopo un primo accordo con la direzione generale dell'Asp di Catania Dopo gli scioperi e le manifestazioni di protesta nelle scorse settimane

Gli infermieri fermano lo stato di agitazione per dieci giorni dopo un primo accordo con la direzione generale dell'Asp di Catania Dopo gli scioperi e le manifestazioni di protesta degli infermieri nelle scorse settimane, l'11 maggio una rappresentanza del Nursind, il sindacato degli infermieri, ha avuto un incontro con la direzione generale dell'Asp di Catania su invito del Prefetto.

La prossima convocazione sarà il 22 maggio alla presenza dell'assessore alla Sanità Razza. Durante l'incontro, si è dibattuto delle criticità presentate dall'organizzazione sindacale e, data la sensibilità mostrata dalla direzione, si è pervenuto ad un primo accordo tra le parti. Da tale accordo, il Nursind ha ottenuto lo scorrimento di 50 infermieri dalla graduatoria del Cannizzaro da impiegare soprattutto nelle aree con maggiori criticità e l'attivazione della mobilità per 115 OSS.

Inoltre, tutto il personale infermieristico in rianimazione dovrà essere senza limitazioni funzionali e i posti di ausiliari specializzati trasformati in CPS Infermieri, man mano che questi vengono pensionati in modo da aumentare nel medio termine il numero di infermieri. Il sindacato auspica anche l'avvio della procedura per la scelta dei coordinamenti entro luglio. Per ciò che riguarda Caltagirone, il direttore Generale ha assicurato di verificare le possibili criticità sia in pediatria sia nel reparto di rianimazione, dove gli infermieri avevano denunciato atteggiamenti vessatori e lesivi da parte del direttore del reparto circa l'imposizione di regole organizzative che nulla hanno a che vedere con il coordinamento infermieristico.

“Momentaneamente siamo soddisfatti dell'esito della riunione per quanto riguarda molti punti oggetto dello stato di agitazione – ha dichiarato il segretario del Nursind Salvo Vaccaro - Aspettiamo fiduciosi ulteriori sviluppi per tutta l'area critica, in special modo per quanto riguarda l'U.O. Di rianimazione dove la tensione lavorativa è altissima. In caso di risposte insufficienti saremo costretti, nostro malgrado, a riprendere la protesta”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Arredare

Soffitto: alcune idee per valorizzarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento