Tamponano auto di polizia e carabinieri per sfuggire ai controlli: arrestati due serbi

Avevano tentato di sottrarsi ai controlli perché uno dei doveva essere agli arresti domiciliari e hanno dato vita ad un rocambolesco inseguimento, conclusosi con un incidente in via della Concordia

Sono stati arrestati i due serbi che ieri, a seguito di un lungo inseguimento, hanno tamponato tre auto delle forze dell'ordine, ferendo due carabinieri e due poliziotti, che hanno hanno riportato lesioni giudicate guaribili tra i dieci ed i quindici giorni. Zoran Stojanovic, di 26 anni, e Dragan Mitrovic, di 32, alla fine della corsa in auto per evitare di essere arrestati hanno colpito gli agenti con calci e pugni.

Guarda il video dell'incidente

 I due avevano tentato di sottrarsi ai controlli perché Mitrovic doveva essere agli arresti domiciliari nel campo nomadi di viale Kennedy, a seguito di misura cautelare emessa dal Gip di Santa Maria Capua Vetere. Domiciliari che, il serbo, aveva più volte violato e che per questa ragione, il Gip campano aveva convertito in un'ordinanza di custodia cautelare in carcere.

I due sono stati rinchiusi in camere di sicurezza in attesa della convalida dell'arresto e del giudizio direttissimo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento