Insulti e minacce alla polizia, denunciati due parcheggiatori abusivi

Al "teatrino" inscenato si sono unite la madre e la moglie di uno dei due: anche per loro una denuncia per resistenza a pubblico ufficiale

Scene di ordinaria follia, e proprio nella zona alle spalle dell’edificio che ospita il Commissariato di polizia di Nesima, quelle messe in atto, nella giornata di ieri, da due fratelli pregiudicati che sono stati controllati dagli agenti mentre esercitavano l’attività illegale di posteggiatore.

I due avevano scelto come un’area vicina a un supermercato nella quale, i clienti erano costretti a posteggiare subendo l’ormai immancabile richiesta di denaro. All’avvicinarsi dei poliziotti, i due fratelli si sono immediatamente opposti al controllo, dichiarando – falsamente, come poi appurato – di non avere documenti identificativi, mostrando insofferenza che è presto sfociata in vera e propria resistenza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Al vociante teatrino di insulti e minacce, si sono poi unite la madre e la moglie di uno dei due posteggiatori le quali, nel tentativo di sottrarre i congiunti dalle mani degli agenti, si sono letteralmente avvinghiate alle divise, facendo si che uno dei due, per un attimo, riuscisse a inforcare uno scooter per scappare. Tutto inutile. L’intervento di ulteriori rinforzi ha messo la parola fine alla baraonda e i quattro sono stati condotti negli uffici del Commissariato dove però, instancabili, hanno continuato con urla e improperi. Alla fine, sono scattate le sanzioni amministrative, la denuncia penale per “attività non autorizzata di parcheggiatore guardiamacchine” e l’ordine di allontanamento previsti per l’illecita attività di parcheggiatore abusivo per uno dei tre; per tutti e quattro gli “urlatori”, invece, la denuncia in stato di libertà per i reati di resistenza e minaccia a pubblico ufficiale e rifiuto di fornire le proprie generalità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Sparatoria in centro commerciale dopo litigio: un ferito grave

  • Covid-19: la differenza tra test sierologico, tampone rapido e tampone molecolare

  • Tentato omicidio al centro commerciale, il 19enne ha utilizzato pistola con matricola abrasa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento