Intesta schede sim ad ignari clienti: denunciata responsabile di un negozio

La donna per ottenere delle agevolazioni economiche aveva intestato ad un cliente tre sim falsificando la firma e usando la copia del documento d'identità dell'uomo precedentemente rilasciata per effettuare un altro contratto

Si era recato in un negozio per acquistare una sim card, ma si è visto negare la transazione peché a suo nome erano intestate diverse schede telefoniche tanto d’aver superato il limite massimo consentito. Così un cliente incredulo ha deciso di denunciare il fatto alla polizia di via Pensavalle per vederci chiaro.

Gli agenti hanno così avviato un'attività investigativa dalla quale è emerso che la responsabile di un negozio di telefonia, per ottenere incentivi economici aveva intestato 3 schede sim al denunciante – ovviamente a sua insaputa – falsificando la firma sul contratto, ma utilizzando una copia corrispondente al reale documento d’identità dell'uomo.

In effetti il cliente tempo prima si era recato nel negozio per effettuare un'operazione commerciale che necessitava del documento d'identità. Visionando il contratto d'attivazione delle tre schede il cliente non ha riconosciuto la propria firma, ma ha invece confermato come sua la fotocopia del documento di identità allegato.

Gli investigatori hanno poi verificato che la responsabile del negozio aveva intestato numerose sim card ad ignari clienti che in passato avevano effettuato un acquisto con fotocopia di documento d'identità. La donna è stata quindi denunciata per il reato di sostituzione di persona.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

Torna su
CataniaToday è in caricamento