Ipermercati Auchan cambiano insegna: in Sicilia 800 lavoratori in ansia

A essere coinvolti sono i punti vendita di Palermo (Conca d'oro e Palermo Carini), Misterbianco, Porte di Catania e Melilli. I sindacati chiedono a Conad di fare chiarezza

foto archivio

Nuove ombre sul futuro degli ipermercati Auchan. Le 5 strutture attive in Sicilia, escluse inizialmente dal primo step di cessioni ad altri associati Conad, dal 29 ottobre cambieranno insegna ma dalla proprietà non è arrivata alcuna comunicazione ai sindacati. Una notizia che ha messo in allarme i lavoratori che temono tagli e chiedono certezze, mentre i sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil invocano un incontro urgente per capire cosa stia accadendo. I timori nascono dal fatto che Conad, dopo aver acquisito gli ipermercati Auchan a partire dal primo agosto scorso, aveva comunicato che avrebbe riorganizzato i negozi in tre step.

Nella prima fase sarebbero dovuti rientrare i negozi cosiddetti "performanti", cioè quelli ritenuti in salute e già pronti per il cambio insegna. In tutto sono stati 109 quelli annunciati al tavolo nazionale, tra cui però sono rimasti esclusi gli ipermercati siciliani. Da qui i timori dei sindacati che gli ipermercati siciliani potessero far parte del secondo o terzo step e dunque di dover subire una ristrutturazione. Da quel momento non è più arrivata nessuna notizia fino a quando ieri, in alcuni ipermercati Auchan Siciliani, è arrivato un comunicato aziendale nel quale si informava che dal 29 ottobre ci sarà il cambio di denominazione sociale da Auchan spa a Margherita distribuzione spa con socio unico.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Una notizia inaspettata che ha gettato nel panico i lavoratori soprattutto per l'assenza di interlocuzione, non avendo l'azienda inviato comunicazione preventiva alle rappresentanze sindacali. A essere coinvolti sono i punti vendita di Palermo (Conca d'oro e Palermo Carini), Misterbianco, Porte di Catania e Melilli. I sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno inviato ad Auchan e a Bdc una richiesta di incontro urgente da realizzare sul territorio regionale per ricevere le dovute e necessarie informazioni riguardo il futuro dei lavoratori degli ipermercati siciliani. Marianna Flauto, Monja Caiolo e Mimma Calabrò affermano: “Non riteniamo accettabile il metodo con il quale Auchan-Conad intende intrattenere relazioni sindacali. Riteniamo opportuno nell'interesse di lavoratori e impresa iniziare con il piede giusto. È mortificante ricevere informazioni che coinvolgono il rapporto di lavoro dei circa 800 lavoratori siciliani attraverso uno sterile ed impersonale comunicato. È un atteggiamento intollerabile e offensivo. Se questo è il benvenuto che intendono dare ai lavoratori, siamo già pronti a scendere in campo per fare valere i diritti dei lavoratori e fare rispettare il diritto al confronto preventivo con le organizzazioni sindacali come previsto dal contratto nazionale applicato”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sparatoria in viale Grimaldi, coinvolte almeno sei persone: due i morti

  • Sparatoria in viale Grimaldi, si scava nel mondo della droga per cercare il movente

  • Coronavirus, Musumeci firma nuova ordinanza: cosa cambia adesso in Sicilia

  • Sangue in Corso Sicilia: accoltellato un uomo, residenti esasperati

  • Covid, Musumeci: "Mascherine obbligatorie anche all'esterno senza la distanza di un metro"

  • Incidente mortale a Trecastagni, perde la vita un minorenne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento