Irrompe al pronto soccorso del Vittorio e picchia il medico di turno: arrestato

L’uomo avrebbe preteso di conoscere l’identità di una donna ricoverata nel pomeriggio a seguito di un incidente stradale. Il medico rifiutatosi è stato aggredito

Ha inaugurato l’anno nuovo in una camera di sicurezza della Questura, Mauro Cappadonna, il 47nne pregiudicato catanese che la sera di capodanno ha aggredito un medico del Pronto Soccorso dell’Ospedale Vittorio Emanuele di Catania.

Dopo la segnalazione giunta alla sala operativa della Questura secondo la quale all’interno del Pronto Soccorso cinque individui stavano malmenando un medico, alcuni equipaggi che si trovavano in zona sono riusciti a intercettare in via Plebiscito l’autovettura con cui gli aggressori si erano da poco allontanati.

A bordo dell’auto si trovavano solo quattro dei cinque segnalati, ma grazie ai successivi accertamenti, poco dopo anche il quinto è stato identificato, rintracciato e condotto in Questura.

L’aggressione era scaturita da una richiesta verbale avanzata inizialmente da uno degli energumeni al medico che in quel momento si trovava presso il triage: nello specifico l’uomo avrebbe preteso di conoscere l’identità di una donna ricoverata nel pomeriggio a seguito di un incidente stradale. Ovviamente, attenendosi a quanto prescritto per legge, il medico ha opposto un fermo diniego, argomentando che non era legittimato a fornire le generalità di pazienti a chi non ne è diretto congiunto. Da qui è scaturito un diverbio a seguito del quale l’uomo, dopo essersi brevemente allontanato, si è nuovamente presentato in compagnia di un suo parente, qualificatosi operatore del 118, sebbene in quel momento non in servizio, il quale ha reiterato la richiesta.

Ricevuta ancora una risposta negativa dal medico, è cominciata un discussione accesa, davanti anche ad altro personale infermieristico. Poco dopo, mentre il medico era seduto al computer, è stato colto alla spalle da almeno cinque persone e colpito violentemente al volto con un pugno sferrato dall’uomo che per primo gli si era rivolto, di cui poi avrebbe dato compiuta descrizione in sede di denuncia, e successivamente da un altro schiaffo e da un pugno a opera degli altri.

La segnalazione giunta alla sala operativa, nella quale sono stati descritti gli individui fuggiti e il modello e la targa dell’auto utilizzata, ha permesso alle volanti di zona, ordinariamente impegnate nella vigilanza anche dell’Ospedale Vittorio Emanuele, di rintracciare gli autori dell’aggressione.

La vittima ha riportato un edema alla regione orbitale e alla regione fronto parietale. I successivi accertamenti e riscontri hanno fornito un quadro delle responsabilità a carico dei cinque, tale per cui si è proceduto a trarre in arresto il Capapdonna per i reati di violenza a pubblico ufficiale, interruzione di pubblico servizio e lesioni. Da ulteriori indagini, è emerso che la donna di cui si richiedevano le generalità aveva incidentato nel pomeriggio, con il proprio motorino, l’auto del Cappadonna mentre era parcheggiata.

Per medesimi reati, sono stati denunciati in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria i restanti quattro. Sono in corso accertamenti in merito alla posizione e alla qualifica rivestita da uno degli aggressori qualificatosi come operatore 118. Il pm di turno della Procura della Repubblica ha disposto il collocamento dell’arrestato presso le Camere di sicurezza, in attesa del giudizio con rito direttissimo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

  • Ritrovato cadavere di un uomo carbonizzato: indagano i carabinieri

  • Un incendio per disfarsi delle cimici, smantellate due piazze di spaccio: 16 arresti

Torna su
CataniaToday è in caricamento