Ispettore della municipale aggredito, il Gup: "Tanta omertà contro le indagini"

Lo scrive il Gup Giancarlo Cascino nelle motivazioni della sentenza di condanna, emessa nei confronti di Orazio Di Grazia, il 22enne accusato di avere aggredito l'ispettore

"Le indagini della polizia giudiziaria, oggettivamente condotte senza risparmio e con notevole impiego di risorse, si sono dovute confrontare con l'estrema omertà di chi senz'altro ha assistito ai fatti" e al "silenzio, pure a fronte dell'evidenza di circostanze incontestabili, tenuto dai familiari" dell'imputato, "pure fortemente sospettati di avere partecipato e comunque assistito a una 'spedizione punitiva'".

Lo scrive il Gup Giancarlo Cascino nelle motivazioni della sentenza di condanna, emessa il 18 maggio scorso, a 4 anni e 10 mesi di reclusione per lesioni personali aggravate nei confronti di Orazio Di Grazia, il 22enne accusato di avere aggredito, il 2 settembre 2017, l'ispettore della polizia municipale di Catania, Luigi Licari, per mesi in coma a causa dei postumi di un violento trauma al capo, aggredito durante un servizio in via del Rotolo.

L'imputato ha confessato, poi ritrattato e poi confermato, di avere colpito il vigile urbano con uno schiaffo perché l'ispettore lo avrebbe colpito due volte allo stesso modo al volto. Ricostruzione, scrive il Gup, che "non trova riscontro in testimonianze neutrali".

Confessione che, osserva il Gup, "dopo un alibi accertato falso" è giunta "in un momento in cui la protrazione del mendacio era francamente non sostenibile". E anche il contributo alle spese mediche di 10mila euro versato alla parte offesa "non rappresenta" per il Gup "segno di obbiettiva ed auspicabile resipiscenza, mai fatta trasparire nelle numerose intercettazioni, quanto piuttosto inquadrandosi in un'ottica palesemente votata all'attenuazione delle conseguenze penali".

Le indagini sull'aggressione all'ispettore Licari sono state eseguite dalla squadra mobile della Questura coordinata dal sostituto Santo Di Stefano e dall'aggiunto Ignazio Fonzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Coronavirus, morto l'avvocato Ferlito: per lui era stato lanciato un appello ai donatori di plasma

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

Torna su
CataniaToday è in caricamento