Istigava alla guerra santa sui social, arrestato catanese convertito all’islamismo

Dopo essersi convertito all’islamismo nel 2011, aveva iniziato a utilizzare i social network per la sua attività di propaganda e di diffusione mediatica

La polizia, a conclusione di una complessa indagine a cura della sezione antiterrorismo della Digos della Questura di Catania - coordinata dalla direzione centrale  della polizia di prevenzione e con il contributo della polizia postale del capoluogo etneo, su richiesta della locale Procura Distrettuale della Repubblica - ha proceduto alla notifica di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Catania nei confronti di un pregiudicato catanese di 32 anni.

L’uomo è indagato per i reati di apologia dei delitti di terrorismo mediante strumenti informatici ed istigazione ad arruolarsi in associazioni terroristiche, essendo stato accertato che, dopo essersi convertito all’islamismo nel 2011, aveva iniziato a utilizzare i social network per la sua attività di propaganda e di diffusione mediatica.

L'ARTICOLO COMPLETO

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento