menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto da facebook

foto da facebook

Istituti educativi, apertura immediata: intanto le mamme protestano

La riunione ha avuto come coda una breve protesta da parte di una trentina di madri. "Comprendiamo la disperazione - hanno detto Consoli e Trojano - , ma abbiamo le mani legate dal Piano di rientro approntato dalla passata Amministrazione

Aprire subito l’attività negli istituti educativo-assistenziali con le somme disponibili e attivarsi per reperire eventuali altri fondi, a cominciare da quelli residui della Regione. Questa la decisione presa dall’Amministrazione comunale, rappresentata dal vicesindaco Marco Consoli e dall’assessore al Welfare Fiorentino Trojano, al termine della riunione con le parti sociali svoltasi nella sede dell’Assessorato. L’Amministrazione ha rivolto inoltre un invito formale agli Istituti a firmare subito le convenzioni per permettere l’avvio dell’anno scolastico.

Nel corso dell’incontro si è insediato inoltre il previsto tavolo tecnico che ha elaborato due proposte. La prima è una richiesta all’assessore regionale alla famiglia per verificare possibilità di utilizzo diverse da quelle previste dalla normativa per i fondi residui della legge regionale 328 sui Servizi sociali. Il vicesindaco Marco Consoli ha subito contattato l’assessore regionale Ester Bonafede che ha fissato un vertice con i funzionari dell’Assessorato per martedì della settimana prossima a Palermo.

È stato poi chiesto all’Amministrazione Bianco, che ha accettato, di rivedere il Piano stilato dalla precedente Giunta in base alla legge 285 sui minori e dove non sono previsti interventi specifici in quest’ambito.

La riunione ha avuto come coda una breve protesta da parte di una trentina di madri. “Comprendiamo la disperazione – hanno detto Consoli e Trojano - , ma abbiamo le mani legate dal Piano di rientro approntato dalla passata Amministrazione. Tra l’altro, poiché questo Piano prevede il taglio del 10% del comparto dei servizi sociali, la decisione della Giunta Bianco di mantenere la somma di 5 milioni di euro per i ricoveri e gli interventi alternativi per i minori indigenti, ci costringerà a fare economie su altri servizi. E questo deve essere chiaro a tutti: forze politiche, sindacati, istituti e cittadini”. Intanto l’Amministrazione comunale ha fissato un incontro, per giovedì pomeriggio, con il Provveditore agli studi di Catania Raffaele Zanoli per studiare possibili sinergie.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Utenze

Rettifica della bolletta luce e gas: come richiederla

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Nuovo furto alla "Campanella Sturzo" di Librino: è il quarto in due mesi

  • Cronaca

    Trasporta in un suv 7 chili di marijuana "skunk": arrestato

  • Cronaca

    Smantellate piazze di spaccio tra Ragusa, Catania ed Agrigento

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento