Aule sovraffollate all'istituto De Felice: lettera aperta dei genitori al dirigente

Fino a 38 alunni all'interno di una classe, senza vie di fuga in caso di calamità naturale. A lamentare la situazione all'interno della scuola sono i genitori dei ragazzi dell'istituto tecnico catanese

"L' istituto De Felice diventa infelice. Noi genitori degli alunni dell' Istituto superiore De Felice Olivetti di Catania esprimiamo la nostra indignazione per la situazione spiacevole che questo anno si è venuta a creare, a causa dei tagli di sezione e del conseguente accorpamento di più classi, molto numerose, nonostante le aule siano di pochi metri quadri, quindi poco adatte al'alto numero di alunni. Temiamo qualora ci fosse una calamità o qualsiasi altro motivo per il quale i nostri figli dovessero evacuare dalle aule possano trovarsi in serio pericolo e rimanere intrappolati. Chiediamo più classi per garantire l 'incolumità dei nostri ragazzi". 

Con questa lettera aperta, i genitori degli alunni della scuola De Felice di piazza Roma chiedono al dirigente scolastico di trovare al più presto una soluzione. Dalla scuola, contattata telefonicamente più volte dalla nostra redazione, nessuna dichiarazione in merito.

"Ci sono anche ragazzi disabili in aule troppe piccole - spiega una mamma- In alcune ci sono addirittura 38 alunni. Una situazione di pericolo per i nostri figli: uscire da questi spazi rapidamente sarebbe quasi impossibile. Per questo motivo - conclude - chiediamo che venga fatto qualcosa prima possibile".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia: maxi confisca da 31 milioni a Guglielmino, il "re" dei supermercati

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento