Sequestrati 3 mila fusti di ketchup turco con etichetta "Made in Italy"

Durante un controllo doganale al porto, la finanza ha fiutato il carico sospetto, destinato ad un supermercato di Biancavilla e proceduto al sequestro

Ben 3 mila fusti di salsa di pomodoro proveniente dalla Turchia, ma con etichetta che ne attestava l'origine italiana, sono stati sequestrati dalla guardia di finanza al porto di Catania. Ad attirare l'attenzione degli investigatori è stata una sospetta partita di ketchup già confezionato con i dati identificativi della società importatrice, un supermercato di Biancavilla.

L’apertura del container ha fatto scoprire che i recipienti da 5 chili di salsa con etichetta “senza glutine”, già pronti per la vendita all’ingrosso, non solo erano sprovvisti delle indicazioni di legge sulla qualità e origine del prodotto, ma riportavano immagini - tra cui la “Trinacria” e la Sicilia - tali da indurre il consumatore finale a credere che il prodotto fosse “Made in Italy”.

Al termine del controllo doganale, la merce è stata sottoposta a sequestro penale e il rappresentante legale della società è stato denunciato per il reato di "commercio di prodotti industriali con mendaci segni di origine". La procura ha poi convalidato il sequestro e ordinato, a spese dell’importatore che ne potrà ottenere in futuro la restituzione, la regolarizzazione in base alle norme in vigore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, nuova ordinanza regionale: ecco le restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento