Tornare ad amare dopo il tumore alla prostata

L’Unita’ di Urologia e Chirurgia Andrologica della clinica Musumeci di Catania e’ tra i centri d’avanguardia e di riferimento in Sicilia per il trattamento dell’impotenza conseguente a interventi alla prostata che riguarda circa 3 milioni di italiani

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

Se fino a qualche anno fa, in Sicilia e al Sud Italia, per curare una malattia  si pensava a viaggi verso grandi centri del nord Italia, oggi,  è possibile curarsi nella propria città o regione grazie alla presenza di reparti di eccellenza di molti ospedali del Mezzogiorno. Tra questi l’unità operativa di urologia e chirurgia andrologica della Casa di Cura Musumeci Gecas Gravina di Catania presso la quale opera il professor Rosario Leonardi , tra i centri d’avanguardia e di riferimento in Sicilia nel trattamento dell’impotenza con l’impianto di protesi di nuova generazione che consentono il ritorno a una normale sessualità e nel trattamento dell’incontinenza urinaria maschile dopo l’intervento alla prostata per tumore .

Secondo recenti  dati,  dopo il cancro è crisi di coppia per 3 milioni di italiani affetti  da  impotenza e incontinenza urinaria, conseguenze indesiderate dell’asportazione chirurgica radicale della prostata che si possono ora trattare con valide soluzioni. Le ultime evoluzioni terapeutiche puntano, quando i farmaci stimolatori dell’ erezione sono inefficaci, sull’impianto di  protesi peniene di nuova generazione che consentono il ritorno a una normale sessualità e sull’inserimento di sling (benderelle) che, poste sotto l’uretra, ripristinano la normale continenza. “L'asportazione chirurgica completa della prostata”, spiega il professor Rosario Leonardi, “causa impotenza in oltre il  50% dei pazienti operati.  Durante l’intervento chirurgico infatti i nervi dell’erezione possono subire dei danni che causano una disfunzione erettile spesso definitiva. Le soluzioni per l’erezione. In questi casi la soluzione risolutiva arriva dalle protesi peniene tricomponenti di ultima generazione AMS 700 che determinano un’erezione simile a quella fisiologica. L’impianto della protesi  si effettua con l’inserimento  all’interno dei cilindri naturali del pene, i corpi cavernosi,  di due cilindri espansibili collegati ad una pompa di controllo, posta sotto la pelle dello scroto tra i due testicoli e ad un serbatoio contenente del liquido. L’uomo può ottenere un’erezione con la stessa sensibilità e capacità di orgasmo presenti prima dell’intervento premendo semplicemente sull’area in cui è posizionata la pompa. In questo modo il liquido si trasferisce dal serbatoio ai cilindri e il pene si indurisce.  Dopo il rapporto  azionando di nuovo  la pompa  il pene torna al normale stato di flaccidità. Queste innovative protesi  risolvono anche la riduzione delle dimensioni del pene che si accorcia a 15 giorni dall’intervento di 1 cm e mezzo fino  superare i 2 cm dopo un anno. Rispetto a quelle del passato in grado solo di ingrossare il pene, le protesi  tricomponenti  consentono una perfetta erezione con un ingrossamento  e allungamento  del pene che permettono all’uomo di riprendere una vita sessuale attiva e soddisfacente”.

Sebbene la protesi possa risolvere definitivamente l’impotenza post prostatectomia  molti uomini non ne conoscono l’esistenza. Troppo spesso infatti i medici non ne parlano ai pazienti, privandoli di una soluzione riconosciuta valida a livello mondiale. Stessa mancanza di informazione anche per i  400.000 italiani affetti da grave impotenza non legata a interventi alla prostata e che non risponde ai farmaci .Gli interventi di chirurgia protesica lo scorso anno sono stati 1.200: solo lo 0.4% degli italiani con gravi problemi erettili ha ricevuto un trattamento risolutivo, nonostante molti studi scientifici dimostrano  l’efficacia delle  protesi con un elevato grado di soddisfazione per il paziente e per la partner.

Le soluzioni per l’incontinenza maschile . “L’incontinenza urinaria da sforzo conseguente all’asportazione della prostata riguarda circa il 20% dei pazienti operati” , dice il professor Leonardi si può ora risolvere definitivamente con  Advance una nuova  metodica chirurgica  mini-invasiva.  L’innovativa tecnica si avvale di una retina di polipropilene (particolare materiale biocompatibile) che riposiziona  l’uretra ,dislocata dall’intervento sulla prostata , nella  sua sede  anatomica naturale ristabilendo la normale continenza. L’intervento si effettua in anestesia loco-regionale e con pochi giorni di ricovero.  Per i casi più gravi si ricorre allo sfintere artificiale  AMS 800  indicato quando per danni o lesioni allo sfintere urinario, l’uretra non si chiude più  e causa continue perdite di urina . Il dispositivo ripristina  la normale funzionalità dello sfintere e  la continenza.Questa tecnica già impiegata con successo su circa 50 mila pazienti in Europa e negli States  è disponibile oltre alla Musumeci in altri centri ospedalieri italiani a totale carico del SSN e cioe' gratis per il paziente. Per i casi più gravi si ricorre allo sfintere artificiale  AMS 800  indicato quando per danni o lesioni allo sfintere urinario, l’uretra non si chiude più  e causa continue perdite di urina .Il dispositivo ripristina  la normale funzionalità dello sfintere e  la continenza. L’impianto delle protesi peniene  e  dello sfintere artificiale richiedono  elevata esperienza e abilità e vengono praticati solo in centri altamente specializzati. Nonostante la loro efficacia,  i DRG, che variano da regione in regione, prevedono rimborsi economici per gli ospedali insufficienti a coprirne i costi. In Italia, infatti  nonostante i numerosi appelli da parte delle società medico scientifiche del settore uro- andrologico  queste valide soluzioni terapeutiche  non vengono  riconosciute dal Sistema Sanitario Nazionale  come presidi indispensabili da adottare dopo l’asportazione della prostata per tumore”.

Per favorire la diffusione delle tecniche chirurgiche per l’impianto delle protesi peniene e  per il ripristino della continenza urinaria il Professor Leonardi organizza il giorno 12 aprile 2012 un corso di aggiornamento presso la Sala Convegni Cento Servizi Raimondi, Via Malta 16/18 San Cataldo Caltanisetta. “Obbiettivo del corso, patrocinato dall’Associazione Mediterranean Andrology Board” precisa il professor Leonardi che ne è il presidente , “è l’apprendimento delle metodiche da parte degli urologi  e la loro diffusione presso altri ospedali della Penisola e della Sicilia e una giusta informazione per risolvere l’impotenza e l’incontinenza urinaria che se non trattate compromettono pesantemente la qualità di vita dei pazienti”.

 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento