La Biblioteca della Sds di Architettura sarà intitolata al prof. Dato

Lunedì 8 ottobre, alle 10,30, nella sede della Struttura didattica speciale di Architettura (piazza Federico di Svevia, Siracusa), avrà luogo la cerimonia di intitolazione della Biblioteca all’indimenticato prof. Giuseppe Dato

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di CataniaToday

Lunedì 8 ottobre, alle 10,30, nella sede della Struttura didattica speciale di Architettura (piazza Federico di Svevia, Siracusa), avrà luogo la cerimonia di intitolazione della Biblioteca all’indimenticato prof. Giuseppe Dato, già preside della facoltà di Architettura dell'Università di Catania, scomparso l’8 ottobre di due anni fa.
Alla cerimonia interverranno il rettore dell'Università di Catania, Antonino Recca, il presidente della Sds, Bruno Messina, e il direttore del Dipartimento di Architettura (Darc), Paolo La Greca.

Nato a Linguaglossa il 25 dicembre 1943, il prof. Dato è stato un insigne urbanista italiano. È stato professore ordinario nelle Università di Messina prima e di Catania dopo. È autore di diversi volumi e saggi sulle città del Mediterraneo. Al centro della sua ricerca lo studio dei tessuti storici marginali tipici dei centri urbani minori del Mezzogiorno d'Italia e delle città della sponda meridionale del Mediterraneo.
All'attività didattica e di ricerca ha unito la pratica professionale, redigendo i piani regolatori di Aci Castello, Aci Catena, Nicolosi, Mascalucia, Piazza Armerina e (in collaborazione con altri) Agrigento e Sciacca.
Diversi suoi studi e ricerche hanno riguardato anche le vicende dello sviluppo urbano della città di Catania, nella fase successiva alla ricostruzione dopo il sisma del 1693. L’impegno didattico quasi quarantennale di Giuseppe Dato, svolto tra le facoltà d’ingegneria di Catania e Messina e quella di architettura di Catania con sede a Siracusa, di cui è stato preside nel triennio 2007-2010, costituisce una parte fondamentale del suo percorso scientifico e culturale.
 

Torna su
CataniaToday è in caricamento