La Caritas fa 'impresa': avviate 3 realtà imprenditoriali con il "prestito della Speranza"

Un punto mobile per la vendita di prodotti tipici locali, un risto-bar ed una pasticceria. Sono le tre start-up avviate dalla Caritas Diocesana di Catania nel 2015 grazie al 'Prestito della Speranza'. Il risto-bar si chiamerà 'Heaven', spiega Santina Quattrocchi beneficiaria del prestito

Un punto mobile per la vendita di prodotti tipici locali, un risto-bar ed una pasticceria. Sono le tre start-up avviate dalla Caritas Diocesana di Catania nel 2015 grazie al 'Prestito della Speranza': strumento di microcredito promosso dalla Cei e realizzato in collaborazione con il gruppo Intesa-San Paolo, per famiglie che desiderano avviare attività commerciali e imprenditoriali per un importo massimo di 25 mila euro. Nel 2105 sono stati finanziati complessivamente 60 mila euro per tre differenti progetti.

Il primo di 15 mila euro ha permesso ad un giovane agente di commercio dall'esperienza decennale di diventare 'agente' di se stesso e scommettere sulla vendita e la promozione dei prodotti tipici siciliani. Il secondo prestito di 25 mila euro è servito per l'avvio di un'impresa familiare: marito, moglie e tre figli apriranno un risto-bar con laboratorio di tavola calda e gastronomia.

"Il risto-bar si chiamerà 'Heaven' - spiega Santina Quattrocchi beneficiaria del prestito - un nome che non abbiamo scelto a caso. L'avvio dell'attivita' rappresenta il 'Paradiso', visto che eravamo disperati e in famiglia non avevamo neanche i soldi per mangiare".

Il terzo prestito di 20 mila euro ha permesso invece ad una donna sola con figli a carico in età scolare di realizzare il sogno di aprire una pasticceria a Misterbianco.

"Proprio la Caritas - osserva il direttore, don Piero Galvano - aiuta a non perdere la speranza a chi ha perso il lavoro in tempo di crisi". "Come Caritas - sottolinea Salvo Pappalardo, referente servizio Microcredito - seguiamo passo dopo passo i soggetti che intendono avviare l'impresa. Il Prestito della Speranza permette a soggetti che non hanno credibilita' creditizia e finanziaria di ottenere un finanziamento che altrimenti sarebbe negato". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

  • Tromba d'aria su Catania: danni ad abitazioni, alberi caduti e contatori saltati

Torna su
CataniaToday è in caricamento