Sabato, 16 Ottobre 2021
Cronaca

La provincia adotta il programma triennale per la trasparenza e integrità

Il provvedimento è stato adottato in attuazione della legge n. 190 del 6 novembre 2012 “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione”

Il commissario straordinario della provincia di Catania, Antonella Liotta, su proposta del segretario generale dell’Ente e responsabile per la prevenzione della corruzione e della trasparenza, Francesca Ganci, ha adottato il Programma triennale per la trasparenza e l’integrità 2014 – 2016. 

Il provvedimento è stato adottato in attuazione della legge n. 190 del 6 novembre 2012 “Disposizioni per la prevenzione e la repressione della corruzione e dell’illegalità nella pubblica amministrazione” che ha indicato gli strumenti per prevenire le condizioni che possono condurre ad azioni corruttive, nella fattispecie: trasparenza, pubblicità, accessibilità, comportamento etico, misurazione e valutazione della perfomance, formazione e rotazione del personale che opera nell’ambito di attività più esposte al rischio di corruzione. 

"Il rispetto pieno e diffuso degli obblighi di trasparenza è strumento di prevenzione e di lotta alla corruzione – ha affermato il commissario straordinario, Antonella Liotta - in quanto rende visibili i rischi di cattivo funzionamento, facilita la diffusione delle informazioni e delle conoscenze e consente la comparazione fra le diverse esperienze amministrative". 

Le principali novità  riguardano: l’obbligo di pubblicità delle situazioni patrimoniali e reddituali di politici, coniugi non separati e parenti entro il secondo grado; il diritto di accesso civico per alimentare il rapporto di fiducia tra cittadini e P.A. e promuovere il principio di legalità (e prevenzione della corruzione); la durata dell'obbligo di pubblicazione, 5 anni, che decorrono dal 1 gennaio dell'anno successivo a quello in cui decorre l'obbligo di pubblicazione e comunque fino a che gli atti abbiano prodotto i loro effetti (fatti salvi i casi in cui la legge dispone diversamente). 

"Il legislatore ha voluto riordinare la normativa, in materia di trasparenza, nell’ambito delle pubbliche amministrazioni – ha affermato la responsabile per la prevenzione della corruzione e della trasparenza, Francesca Ganci – a garanzia dell’intera collettività. Nuove responsabilità sono assegnate ai dirigenti e al personale che a vario titolo lavorano all’interno dell’Ente e attraverso incontri con gli “stakeholder” (portatori d’interesse) si è giunti a una redazione condivisa dei contenuti del Programma". 
Il Programma triennale per la trasparenza e l’integrità costituisce parte integrante del Piano triennale di prevenzione della corruzione, deve essere aggiornato annualmente, unitamente al Piano di prevenzione della corruzione. Accessibile a tutti sul sito istituzionale dell’Ente, nella sezione “Amministrazione trasparente”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La provincia adotta il programma triennale per la trasparenza e integrità

CataniaToday è in caricamento