Ladri d’arance messi in fuga: refurtiva restituita al coltivatore

Un altro caso sventato dai carabinieri di Grammichele che hanno reso vano un tentativo di furto in un terreno sito in contrada Poggio di Malta

Tempo d’arance anche per i ladri. Un altro caso sventato dai carabinieri di Grammichele i quali, coadiuvati dai colleghi di Caltagirone da sempre impegnati nel piano generale di controllo per la prevenzione dei reati nelle aree rurali, hanno reso vano un tentativo di furto in un terreno sito in contrada Poggio di Malta. Ignoti infatti avevano abbattuto la recinzione dell’agrumeto asportando oltre 200 chilogrammi di arance per il successivo carico da effettuare a bordo di un veicolo. Ma l’intervento dei militari, che hanno notato l’insolito movimento nel fondo agricolo, ha interrotto i loro piani costringendoli ad una fuga a tutto gas. La refurtiva è stata riconsegnata dai militari al legittimo proprietario.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova ordinanza: la Sicilia diventa zona gialla

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Maltempo, danni ad abitazioni nella zona sud di Catania

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Coronavirus, nuova ordinanza di Musumeci: ecco cosa cambia in Sicilia

Torna su
CataniaToday è in caricamento