Ladro "gentiluomo", prima svaligia banche e poi manda baci alle dipendenti

Rapinatore seriale di banche, armato di taglierino, dal luglio al dicembre del 2013 avrebbe assalito otto istituti di credito in Sicilia, per un bottino complessivo di oltre 90 mila euro, ma prima di scappare mandava "baci" alle dipendenti delle filiali

Un rapinatore seriale di banche, armato di taglierino, dal luglio al dicembre del 2013 avrebbe assalito otto istituti di credito in Sicilia, per un bottino complessivo di oltre 90 mila euro, ma prima di scappare mandava "baci" alle dipendenti delle filiali.

E' l'accusa contestata a un catanese di 32 anni, arrestato dalla squadra mobile di Ragusa in esecuzione di un ordine di carcerazione. A tradirlo anche una sua caratteristica fisica: è alto 1,98 metri.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Palermo-Catania, illeso il cantante neomelodico De Martino: morto un 60enne

  • Incidente stradale sulla Palermo-Catania, scontro tra un furgone e una Porsche: un morto e due feriti

  • Coronavirus, impennata dei contagi in Sicilia (+578) e 10 morti: a Catania 154 nuovi casi

  • Arrestato anche il secondo rapinatore della gioielleria di via Umberto

  • Voleva dimagrire, muore dopo una settimana di prodotti sostitutivi: indagati due medici

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento