San Nullo, troppi lampioni spenti: Terranostra chiede il ripristino dell'illuminazione

Molti lampioni delle vie San Pietro Clarenza, via Peppino Impastato e via Ciro Minotti sono rotti da tempo

Il comitato Terranostra chiede all’amministrazione comunale di attivare tutte le procedure necessarie a garantire una pubblica illuminazione efficiente nelle vie San Pietro Clarenza, via Peppino Impastato e via Ciro Minotti a Catania.

"Tre arterie così distanti tra loro - spiega il portavoce Carmelo Sofia - che condividono il problema di tanti, troppi lampioni che non funzionano. Una situazione sta mettendo in ginocchio l’intero territorio e provoca le proteste di residenti,pendolari e commercianti nel quartiere di San Giovanni Galermo e in una zona a pochi passi dal viale Mario Rapisardi. Da qui il rischio continuo di incidenti stradali senza considerare che con il “black out” che dura da tempo i furti nei garage si moltiplicando. Questo non fa altro che generare in un senso di insicurezza tra i residenti della zona che temono anche di essere vittime di furti o scippi. Per tutte queste ragioni chiediamo, ancora una volta, al Sindaco Pogliese, sempre attento a questo genere di questioni, di farsi promotore di conferenza dei servizi che possa ridare ai cittadini di via Minotti, via San Pietro Clarenza e via Impastato una pubblica efficiente e, al tempo stesso, fare in modo che simili episodi non si ripresentino più in futuro".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Covid, Musumeci: "Negozi chiusi la domenica, non ci possiamo permettere assembramenti"

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

Torna su
CataniaToday è in caricamento