Land: “Abilitiamo la casa di Toti, verso co-housing….stage“

All’incontro prenderà parte anche Franco Antonello, ideatore del progetto “I bambini delle fate” e suo figlio Andrea, volto orami noto anche per essere stato un “inviato” del programma di Italia 1 ‘Le Iene’

Bisogna “sporcarsi le mani”: è l’invito che viene rivolto alla città di Catania, e non solo, da Muni Sigona e Valentina Genitori D’Arrigo, protagoniste il prossimo 9 maggio alle 17 di un incontro presso Land, la nuova dogana, durante il quale si presenterà e si condividerà il progetto “Abilitiamo la casa di Toti, verso Co-housing....Stage“.

Un’occasione, dunque, per far conoscere alla città a che punto sia arrivata la costruzione del primo albergo etico in Sicilia, per ringraziare chi fino adesso si è “sporcato le mani” - così come recita il progetto “I bambini delle Fate” che permette di raccogliere fondi per sostenere gli stages - e per coinvolgere sempre più persone in una impresa che non riguarda solo Muni e i suoi ragazzi speciali ma l’intera cittadinanza che può sostenere una iniziativa che porta alto il nome della Sicilia.

All’incontro prenderà parte anche Franco Antonello, ideatore del progetto “I bambini delle fate” e suo figlio Andrea, volto orami noto anche per essere stato un “inviato” del programma di Italia 1 ‘Le Iene’

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

Torna su
CataniaToday è in caricamento