Land Art: un enorme occhio ciclopico con fulmine rosso darà il benvenuto in città

Un'opera di Land Art, un occhio di Ciclope con fulmine rosso, sarà allestita ai piedi del vulcano. L'opera, visibile solo dall'alto, è il primo esempio pioniere di arte naturalistica nel territorio siciliano

Nei prossimi anni chi sorvolerà Catania penserà che degli Ufo sono atterrati nella nostra terra e hanno lasciato un'impronta della loro presenza, un enorme fulmine rosso sotto un occhio ciclopico. In realtà, la figura visibile solo dall’alto, è una gigantesca sperimentazione artistica di Land Art.

L'opera naturalistica, piazzata in cima ad una collina di terrazzamenti, sarà allestita questo fine settimana, durante la Prima Mostra Mercato di Piante per il Giardino Mediterraneo, che si svolgerà dal 7 al 9 Aprile 2012, nella Tenuta Cardinale di Catania.

L'opera è il primo esempio pioniere di Land Art nel territorio etneo ed è firmarla dalla paesaggista inglese Clare Littlewood che ha pensato così di fare un omaggio alla Sicilia

"Un Colpo D'Occhio", nome della maestosa opera, è stato realizzato con l’aiuto di alcuni studenti dell’Istituto Agrario Filippo Eredia di Catania, rendendo omaggio ai miti della classicità legati tanto alla Sicilia quanto alla cultura italiana per eccellenza.

Nulla è lasciato al caso, e così il ciclope avrà pure ciglia folte, realizzate con una stretta fila di agavi. La saetta rossa, che scenderà a zig zag verso valle, avrà i colori del fuoco del Vulcano e della Sicilia grazie a piante di Lantana Camara. Ad abbracciare visivamente l'opera ci saranno due file di cipressi a gruppi di tre, e le alzate delle terrazze della tenuta saranno fiorite a festa.Un'anteprima dell'opera è visibile nella foto.

l’Occhio del Ciclope è già dipinto su una gebbia, la grande cisterna, parte dell’antico sistema d’irrigazione degli agrumeti ereditato dagli Arabi, che rappresenta la pupilla di un enorme occhio che sorveglierà il sito della Mostra Mercato catanese dall’alto.

Il progetto, che prenderà forma negli anni, sarà permanente e ben visibile dagli aerei in partenza e in arrivo nello scalo catanese di Fontanarossa.

In occasione dell’inaugurazione di “Dove Fiorisce la Jacaranda. Piante, uomini, idee…”, la Prima Mostra Mercato di Piante per il Giardino Mediterraneo, Mario Bevacqua, interviene sull’importanza dell'evento florovivaistico etneo in chiave turistica.

“La Sicilia ha bisogno di persone  che mettano le proprie risorse e bellezze a disposizione di tutti – sottolinea il presidente dell’Uftaa, la Federazione Mondiale delle Associazioni delle Agenzie di Viaggi che rappresenta oltre 70.000 punti vendita nei cinque continenti - regalando quello che potrebbe e dovrebbe diventare un appuntamento fisso per la nostra terra, continuativo”.

Secondo Mario Bevacqua, è questo il valore aggiunto dell’evento che si terrà presso la Tenuta Cardinale di Catania, trasformata per l’occasione in un grande palcoscenico di piante e natura, con l’esposizione da parte di decine di vivaisti.

È questo ciò di cui abbiamo bisogno – insiste ancora - di eventi e manifestazioni che ripropongano la nostra essenza, che è la cosa più preziosa che abbiamo e che ci rende unici”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un evento da non sottovalutare, dunque, ma anzi, da promuovere e sostenere, proprio perché rappresenta un’occasione davvero unica di riproporre l’immagine originaria dell’Isola, ancora troppo poco valorizzata, nonostante sia uno dei luoghi più ricchi di siti, riconosciuti dall’Unesco patrimonio dell’Umanità.

Insomma, “Dove Fiorisce la Jacaranda”, e gli eventi collaterali che si svolgeranno contemporaneamente, rappresentano un evento unico e imperdibile. “Il turismo vuole questo – sottolinea ancora Bevacqua - chi viene in Sicilia vuole cogliere un’arancia direttamente in un agrumeto; una volta annusata e assaporata, scopre un sapore diverso in un frutto che ha sempre mangiato. È il sapore della Sicilia”.

L’evento pasquale costituisce, dunque, anche in chiave strettamente turistica, un’importante occasione, non solo perché è una vera novità – la mostra mercato delle piante del giardino mediterraneo è la prima in assoluto – ma anche perché insieme al nuovo riscopre l’antico, il cuore di una terra ricca di storia e di natura.
“La Mostra ha concluso Bevacqua è una reale opportunità, non solo economica, ma anche di riaffermare l’identità siciliana che rappresenta una delle nostre maggiori forze”.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Gestivano piazze di spaccio e furti di carburante nel Catanese, 11 arresti

  • Aumento esponenziale dei casi di Coronavirus, Randazzo è zona rossa

  • Coronavirus, in Sicilia contagi in aumento (+796): in provincia di Catania sono 211

  • La barca a vela più grande del mondo nelle acque di Catania

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento