Titolare di una lavanderia denunciata per aver 'mentito' sulla quantità di acque reflue

La responsabile di una tinto-lavanderia industriale di Acireale aveva dichiarato il falso sulle le emissioni di acque reflue della propria attività ed è stata denunciata per il reato di falsità ideologica

La titolare di una tinto-lavanderia industriale di Acireale aveva dichiarato il falso sulle le emissioni di acque reflue della propria attività ed è stata denunciata per il reato di falsità ideologica in atto pubblico in concorso con il direttore tecnico dell'attività, oltre che per scarico di acque reflue industriali senza autorizzazione.

I carabinieri del Noe di Catania hanno infatti accertato che la titolare dell’attività, una 47enne,aveva dichiarato che la propria lavanderia non trattava più di 100 chili al giorno di biancheria e che, pertanto, lo scarico delle acque reflue prodotte poteva essere assimilato ad uno scarico di tipo domestico.

Mentre di fatto la tinto-lavanderia aveva una potenzialità complessiva di carico sino a 283 kg che gli imponeva il possesso di un’autorizzazione allo scarico per acque industriali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Covid, ordinanza di Musumeci: in Sicilia "zona rossa" con maggiori restrizioni

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Se dati non miglioreranno, altri 15 giorni di zona rossa e scuole chiuse"

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

Torna su
CataniaToday è in caricamento