menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
foto l'uRLO

foto l'uRLO

Lavoratori della Multiservizi protestano davanti al Comune, Messina: "Bianco sta a guardare"

Il comune preso d’assalto dai lavoratori della Multiservizi disperati che non ricevono stipendi, tredicesima e quattordicesima già dal 2014. Una delegazione di dipendenti ha provato ad entrare. Sulla questione interviene Messina

Questa mattina il comune di Catania è stato preso d’assalto dai lavoratori della Multiservizi disperati che non ricevono stipendi, tredicesima e quattordicesima già dal 2014. Una delegazione di dipendenti ha cercato di entrare al Comune per parlare con gli amministratori che non hanno saputo dare ascolto al disagio evidente dei lavoratori. Forse domani verrà saldata una minima parte delle spettanze dovute.

“Se la Multiservizi non paga i lavoratori, la colpa è del comune che non procede a fare i dovuti trasferimenti - afferma Manlio Messina che al consiglio siede all’opposizione per Fratelli d’Italia - Bianco ed il suo assessore Girlando, sono assolutamente incompetenti a gestire le partecipate”.

"La vertenza della Multiservizi non è certo la sola: non possiamo dimenticare che le i lavoratori delle cooperative non ricevono gli stipendi da 8 mesi - continua Messina- poi c’è sempre la questione Amt sull’orlo del precipizio con i bilanci dissestati ed i debiti da appianare”.

"Quella 2016 sarà un’estate molto breve, sempre che i solarium vengano realizzati. Quanto poi convenga farli per un periodo di tempo così breve è da vedersi - conclude il Consigliere d’opposizione - Una gestione economica dissennata. Sprechi su sprechi a danno dei cittadini. La città va allo sbando e Bianco sta a guardare”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Attualità

McDonald’s, l’iniziativa "Sempre aperti a donare" arriva a Catania

Arredare

Soffitto: alcune idee per valorizzarlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento