Lavoratori forestale: prevista manifestazione di protesta a oltranza

Tornano a protestare i lavoratori della forestale e precisano che da domani, 27 giugno, si svolgeranno iniziative di lotta ad oltranza. Inoltre, i sindacati non garantiscono l'ordine pubblico e manifestazioni pacifiche

Tornano in piazza i lavoratori della forestale che qualche settimana fa con la loro protesta avevano bloccato via Etnea.

“Le bugie e gli inganni della politica e dell’amministrazione regionale del settore forestale non conoscono più fine. Nonostante gli impegni e le garanzie fatte in tutte le sedi e cioè che i lavoratori forestali stagionali dovevano continuare a lavorare, oggi si scopre invece che entro metà di questa settimana circa 750 lavoratori verranno licenziati e che altri 2500 lavoratori perderanno il lavoro entro il 15 di luglio”.

Inizia così una lunga lettera di Fai Cisl, Flai Cgil e Uila Uil indirizzata al prefetto di Catania Francesca Cannizo, al questore del capoluogo etneo e ai dirigenti regionale e della provinciale dell’Azienda Forestale.

I sindacati ricordano che dopo la manifestazione dello scorso 11 giugno a Catania era stato concordato per oggi un incontro con il Presidente della Regione che invece è stato rinviato a data da destinarsi.

Lo stato di incertezza e la drammaticità della situazionescrivono i sindacati richiede una assunzione di responsabilità da parte di tutti in tempi rapidi.  Ulteriori ritardi rischiano di causare non solo problemi occupazionali ma la messa in discussione della  tutela del nostro patrimonio boschivo”.

Flai  Cisl, Flai Cgil e Uila Uil sottolineano inoltre che “ad oggi i lavoratori hanno effettuato solo 20 giorni di lavoro e che per legge dovranno effettuare altre 81 giornate e addirittura secondo l’accordo sottoscritto lo scorso anno dovrebbero effettuare altre 130 giornate.  Ci si chiede, quindi,  se questi lavoratori vengono licenziati in questi giorni quando  effettueranno il resto delle  giornate?  E la pulitura dei boschi  e la realizzazione dei viali parafuoco quando si dovranno effettuare ?  Forse nel mese di  Dicembre?”.

Alla luce di questa situazione il sindacato unitario catanese annuncia che se entro la giornata di oggi non arrivano risposte certe da parte degli interlocutori istituzionali da domani 27 Giugno si svolgeranno iniziative di lotta ad oltranza

 “Si fa presente aggiungono le parti sociali che la esasperazione tra i lavoratori,  dovuta essenzialmente dall’arroganza della classe politica e dirigenziale forestale, non ci consente di garantire l’ordine pubblico e manifestazioni pacifiche”.

La mobilitazione inizierà domani con un sit-in alle 9.30 presso l’Azienda forestale di Catania ma “nella stessa giornata  non si escludeconcludono i sindacati una ulteriore manifestazione di protesta presso la sede di rappresentanza della Presidenza della Regione siciliana  di Catania”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Musumeci: "In Sicilia 4 zone rosse, dobbiamo evitarne altre"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

  • Coronavirus, oggi la nuova ordinanza del presidente Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento