Al via i lavori per la pubblica illuminazione: si parte dalle periferie

Sono state definite le priorità riguardanti i quartieri di San Francesco La Rena e Librino, le vie Benedetto Croce, Badia e Roberto Giuffrida Castorina

L'assessore alle Manutenzioni Salvatore Di Salvo, su indicazione del sindaco Enzo Bianco, ha stabilito con i dirigenti della Gemmo, azienda vincitrice diversi anni fa del bando dell’illuminazione pubblica e affidataria del servizio, le priorità per gli interventi urgenti su questo settore che saranno attuati fin da subito e fino al mese di dicembre.

“L'attenzione dell’amministrazione – ha detto Di Salvo - è stata puntata sulle arterie dei quartieri periferici, dove l’impianto dell’illuminazione manca del tutto oppure occorre potenziarlo in maniera significativa. Ma anche sui luoghi in cui, per esempio il Lungomare, il passaggio, qualche anno fa, dall’illuminazione tradizionale a quella a Led ha provocato dei problemi”.

Lunedì prossimo, 16 ottobre, partiranno i lavori di illuminazione per il parcheggio di Nesima, nelle vie Filippo Eredia e Taormina. La conclusione degli interventi è prevista per la prima settimana di novembre. Nell'arco del mese di novembre partiranno poi i lavori su tutto il lungomare: il viale Ruggero di Lauria e le aree del Monumento ai caduti e della piazza Nettuno. Sarà realizzata inoltre una specifica illuminazione sulle aree pedonali e sulla pista ciclabile. Sono inoltre state definite le priorità riguardanti i quartieri di San Francesco La Rena e Librino, le vie Benedetto Croce, Badia e Roberto Giuffrida Castorina. Su quest’ultima strada è già stata realizzata la bretella che consentirà di alleggerire il traffico sulla circonvallazione. L'assessore Di Salvo ha annunciato inoltre che, sempre nel mese di novembre, la Gemmo avvierà i lavori per il decoro illuminotecnico del palazzo degli Elefanti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Operazione antimafia, 12 “piazze di spaccio” di San Giovanni Galermo nel mirino dei carabinieri

  • Coronavirus, morto un giovane di 29 anni: era il figlio di un cancelliere del Tribunale

  • Blitz dei carabinieri grazie a collaboratore di giustizia: era il nuovo reggente del clan Nizza

  • Coronavirus, bimba di 5 anni ricoverata in rianimazione a Catania

  • Disposizioni anticovid, i carabinieri controllano gli spostamenti tra comuni

  • I soldi della droga per le famiglie dei detenuti: parlano i "libri mastri" di Schillaci

Torna su
CataniaToday è in caricamento