Legambiente: in Sicilia 642 scuole a rischio crollo in caso di terremoto

Dopo l'appello dell'Ordine degli Ingegneri sulla sicurezza degli edifici, arriva l'allarme di Legambiente. In particolare, il XII Rapporto di Legambiente sulla qualità dell'edilizia scolastica: 642 scuole a rischio crollo

L'Emilia continua a tremare. E la provincia di Catania, zona sismica per eccellenza, è sotto controllo. Dopo l'appello dell'Ordine degli Ingegneri sulla sicurezza degli edifici, arriva l'allarme di Legambiente. In particolare, il XII Rapporto di Legambiente sulla qualità dell'edilizia scolastica, delle strutture e dei servizi nel 2011 ha individuato, in Sicilia, 642 scuole a rischio crollo in caso di terremoto.

Su 697 edifici ubicati in 7 comuni capoluogo dell'isola (mancano Agrigento e Siracusa), con una popolazione scolastica di 166 mila 860 studenti, il 94,26% è a rischio sismico. Il dossier indica anche che appena il 18,82 % delle scuole (circa 125) è stato costruito con criteri antisismici, mentre in appena il 18,84% degli istituti è stata eseguita la verifica di vulnerabilità sismica. L'indagine, elaborata utilizzando i dati forniti dalle amministrazioni comunali, evidenzia che il 14,2% delle scuole è stato costruito tra il 1990 e il 2009; il 2,93% prima del 1900; il 13,91% tra il 1900 e il 1940; Il 46,41% tra il 1940 e il 1974; il 22,55% tra il 1974 e il 1990.

Secondo lo studio, nonostante il 62,98% delle scuole di Catania, Caltanissetta, Enna, Messina, Palermo, Ragusa e Trapani ha bisogno di interventi di manutenzione urgenti, nel 2011 si dimezzano gli investimenti per attività di manutenzione straordinaria: nell'anno la media è stata di 15 mila 611 euro, per singolo edificio (erano 34 mila 253 euro nel 2010 e 51 mila 265 euro del 2009.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Catania si colloca al 77mo posto nella classifica generale delle 85 città prese in esame, mentre è 73esima per la presenza di "buone pratiche" e solo settima in quella del "rischio".

Su 687 scuole solo il 27,4% ha il certificato di agibilità, il 17% quello igienico sanitario, il 19% quello per la prevenzione degli incendi. Impianti elettrici a norma sono presenti nel 43,19% delle scuole; scale di sicurezze e porte antipanico nel 34% e 59,97% delle strutture. Solo 41% degli istituti è dotato di palestre per fare educazione fisica. La presenza di amianto, invece, è stata certificata nel 3,66% degli edifici; mentre azioni di monitoraggio sono state condotte nel 66,67% degli edifici.

"La situazione è disastrosa - ha dichiarato Gianfranco Zanna di Legambiente Sicilia - A Catania alcune scuole sono ospitate in edifici storici dove le condizioni di sicurezza sono ancora più precarie e molte strutture non hanno scale di sicurezza. Il rapporto è giunto alla dodicesima edizione, questo singnifica che denunciamo da 12 anni questo stato di cose".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollo auto 2020 - Come presentare la richiesta di esenzione e rimborso

  • Coronavirus e Dpcm, Musumeci: "Ci permettano di aprire fino alle 23 ristoranti, bar, pizzerie"

  • Lungomare, uomo colto da infarto si accascia e muore

  • Conte firma nuovo Dpcm, bar e ristoranti chiusi alle 18: superata ordinanza di Musumeci

  • Pronta ordinanza anticovid di Musumeci: coprifuoco dalle ore 23 e scuole superiori chiuse

  • Coronavirus, coprifuoco dalle 23 e limitazione negli spostamenti: ecco la nuova ordinanza di Musumeci

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CataniaToday è in caricamento