menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Librino, 144 alloggi per emergenza abitativa, Pogliese: "Saniamo ferita storica"

Grazie a un accordo tra il Comune e lo Iacp saranno completati i lavori edili alle due Torri di viale Biagio Pecorino e viale San Teodoro fermi da oltre venti anni

Al fine di ridurre il disagio abitativo e disporre di nuovi alloggi da destinare a famiglie disagiate, il Comune di e l’Istituto Autonomo Case Popolari di Catania, hanno stipulato un accordo tra pubbliche amministrazioni per realizzare i lavori di recupero e completamento edilizio delle due Torri di viale Biagio Pecorino e viale San Teodoro a Librino, fermi da oltre venti anni.

Il sindaco Salvo Pogliese e il presidente dell’Iacp di Catania Angelo Sicali, presente l’assessore alle politiche comunitarie Sergio Parisi, hanno firmato un protocollo d’intesa finalizzato a recuperare 144 alloggi da destinare a famiglie bisognose in cerca di un’abitazione. I lavori, dell’importo complessivo di 12,5 milioni di euro, saranno eseguiti dal Comune di Catania e finanziati con fondi provenienti dalla programmazione comunitaria o nazionale. “Con questo accordo tra due diverse pubbliche amministrazioni -ha detto il primo cittadino- saniamo un’altra ferita storica per la città di Catania, sempre a Librino, recuperando appartamenti per l’emergenza abitativa che fin dal nostro insediamento abbiamo considerato una priorità della nostra azione. Dopo la consegna dei 96 alloggi dell’ex palazzo di cemento -ha aggiunto Pogliese-, oggi scriviamo un’altra pagina importante che darà una boccata d’ossigeno al disagio abitativo che è una piaga della nostra comunità cittadina. Ringrazio il presidente Sicali e l’assessore Parisi che hanno collaborato concretamente con l’ingegnere del Comune Fabio Finocchiaro e il direttore dell’Iacp Salvo Bella, per raggiungere un obiettivo atteso dal lontanissimo 1991 quando furono appaltati i lavori che negli anni sono rimasti incompiuti per traversie burocratiche e giudiziarie”. Nell’accordo sottoscritto a palazzo degli Elefanti, l’Istituto Autonomo Case Popolari di Catania (I.A.C.P.), mantiene la proprietà delle Torri da recuperare, ma concede al Comune di Catania di effettuare i lavori di completamento e successivamente curerà i rapporti con gli assegnatari degli immobili e la manutenzione straordinaria degli stessi. L’accordo, eseguito a titolo gratuito, in luogo della permuta o della cessione degli immobili, consente di risparmiare circa 250 mila di imposte, tasse e compensi notarili che il Comune avrebbe dovuto investire se non si fosse seguita questa procedura dell’intesa tra le due pubbliche amministrazioni. “Una buona pratica amministrativa -ha aggiunto Sicali- che si realizza grazie a una concreta collaborazione istituzionale con l’Amministrazione Comunale che porta a compimento una vicenda risalente al 1991. Non a caso come primo atto del nostro insediamento come nuovo Cda, siamo venuti in visita al Comune e grazie alla disponibilità del sindaco Pogliese abbiamo raggiunto questo importantissimo obiettivo. Nel nostro programma, a brevissimo - ha proseguito il presidente Iacp - vi è la consegna di un cantiere per altri 21 alloggi sociali in Corso Indipendenza, nel segno di un Ente che guarda con la massima attenzione alle necessità abitative del territorio in sinergia al Governo Musumeci e al Comune capoluogo”.

65e4b7c1-813d-4c2f-bbc6-de96463c48c6-2

Allo stato attuale l’Amministrazione Comunale ha già in fase di aggiudicazione le gare per la progettazione degli interventi di recupero che saranno aggiudicate entro questa primavera con l’obiettivo di avviare in autunno le procedure per l’affidamento dei lavori: ”Una parte importante della programmazione comunitaria e nazionale –ha detto l’assessore Sergio Parisi- viene investita per fronteggiare l’emergenza abitativa e realizzare progetti per limitare i disagi di famiglie in difficoltà, secondo una precisa direttiva del sindaco Pogliese. Lavoriamo proficuamente con l’agenzia nazionale per la coesione della presidenza del consiglio dei Ministri, individuando percorsi sempre più idonei a concretizzare progetti di sviluppo per limitare il gap delle infrastrutture e dei servizi ai cittadini e la positiva conclusione di questa vicenda ne è la dimostrazione”. A margine dell’incontro, il sindaco Pogliese e l’assessore Parisi hanno riferito degli altri investimenti per alloggi sociali, in testa, con 847 mila euro finalizzati all’utilizzo sociale di 14 alloggi confiscati alla mafia, oltre al recupero, già in atto, di un grande bene immobile in via Cefaly, sottratto dallo Stato alla malavita organizzata, per cui sono stati investiti 1,5 milioni di euro di fondi Ue. All’incontro hanno partecipato anche il direttore delle politiche comunitarie Fabio Finocchiaro, Elio Tagliaferro componente del Cda dell’Istituto Autonomo Case Popolari, il dg dell’Iacp Salvo Bella, Giacomo Centonze e Calogero Cascio, rispettivamente dirigente e avvocato dell’ente regionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Bustine di gel di silice - Ecco a cosa servono

Salute

Stanchezza primaverile - Cause, sintomi e rimedi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CataniaToday è in caricamento