Librino, finanziato un nuovo oratorio per suor Lucia

Il Sindaco:"Nell'oratorio sono stati compiuti in questi anni sotto il profilo sociale dei piccoli miracoli e ci siamo prodigati perché questa realtà potesse avere adeguati supporti presentando un progetto per ristrutturare un edificio adiacente inserito nel Pon Sicurezza e che è stato finanziato con 500.000 euro"

"Una magnifica notizia che abbiamo subito voluto condividere con suor Lucia". Così il sindaco di Catania Enzo Bianco ha annunciato che il Comune ha ottenuto un finanziamento per la ristrutturazione del fabbricato accanto all'Oratorio intitolato a Giovanni Paolo II in viale Grimaldi a Librino e assegnato dall'Amministrazione alle suore di Maria Ausiliatrice.

"Nell'oratorio - ha detto Bianco - operano da anni, in condizioni difficilissime, suor Lucia, suor Enza e suor Renata, che hanno compiuto in quella realtà dei veri e propri piccoli miracoli diffondendo la cultura della legalità, del rispetto delle regole e dell'educazione civica. Fin dal nostro insediamento ci siamo prodigati perché potessero avere adeguati supporti e abbiamo presentato al Ministero dell'Interno un progetto, intitolato 'In campo per la Legalità' e inserito nel Pon Sicurezza, per ristrutturare questi locali e consegnarli alle suore. Il progetto è stato ora finanziato per una spesa di poco meno di 500.000 euro che consentiranno la messa in sicurezza e il consolidamento del fabbricato accanto all'Oratorio. Appena appresa la notizia, ho subito chiamato suor Lucia per consegnarle l'atto".

Il Sindaco ha incontrato la religiosa nel Palazzo degli elefanti insieme con il capo di gabinetto Massimo Rosso che ha seguito tutto l'iter del progetto, redatto dalla Direzione Manutenzione e Servizi tecnici del Comune di Catania. Nei prossimi giorni il sindaco si recherà a Librino a visitare l'Oratorio. Si stima che la nuova struttura possa essere realizzata in pochi mesi dopo l'inizio dei lavori.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sicilia in zona rossa: i divieti e cosa si può fare

  • Coronavirus, 1587 nuovi casi in Sicilia: a Catania +469

  • Raid punitivo per un commento su "Tik Tok": denunciate quattro donne

  • Coronavirus, Musumeci: "Allarme contagi da Palermo, Catania e Messina"

  • Massacrarono di botte un 54enne dopo averlo investito, in carcere due catanesi

  • Le misure restrittive fino al 31 gennaio per le "zone rosse" della provincia etnea

Torna su
CataniaToday è in caricamento